Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Tiscali, migliora il risultato netto. Ma crollano ricavi e redditività

Nel 2010 il dato del gruppo è negativo di 24,3 mln rispetto alla perdita di 384,8 del 2009. Ma il miglioramento è offuscato dal calo dell’Ebitda (-20%) e del fatturato (-4,2%)

29 Apr 2011

Ricavi e redditività in calo per Tiscali. Nel corso
dell’esercizio 2010 i ricavi dell’operatore guidato da Renato
Soru si sono attestati a 278,1 milioni di euro in diminuzione del
4,2% rispetto al dato di 290,4 milioni di euro registrato
nell’esercizio 2009.

La redditività del Gruppo, con un risultato operativo lordo
(Ebitda rettificato) prima degli accantonamenti di 70,7 milioni di
euro, è in diminuzione del 20% rispetto al risultato registrato
nell’esercizio 2009.

"Il calo riflette principalmente, oltre all’impatto della
fisiologica riduzione del segmento narrowband, l’aumento delle
tariffe Ull e l’assenza nel corso del 2010 di alcune voci di
ricavi one off che caratterizzarono l’esercizio precedente
-spiega la società in una nota – Tuttavia, la seconda parte
dell’esercizio evidenzia i benefici derivanti dall’attuazione
delle politiche di ristrutturazione, con un 4Q2010 che registra un
Ebitda rettificato in aumento del 10% (20 milioni di euro) rispetto
al dato del 4Q2009".

Il risultato operativo (Ebit) del 2010, al netto degli
accantonamenti, svalutazioni e dei costi di ristrutturazione è
negativo per circa 1,8 milioni di euro rispetto al dato
corrispondente del 2009 pari a 11,3 milioni di Euro. “La
differenza rispetto all’anno precedente – prosegue la nota – è
dovuto al calo della redditività lorda per le ragioni sopra
evidenziate, unitamente al maggiore impatto dell’accantonamento a
fondo svalutazione crediti operato nell’esercizio”. Anche in
questo caso, gli effetti del percorso intrapreso dalla società si
riflettono positivamente nel 4Q2010 che registra, rispetto al
trimestre precedente, un miglioramento a livello di Ebit di circa
il 31%.

Il risultato netto del Gruppo dell’esercizio 2010, è negativo
per 24,3 milioni di euro rispetto alla perdita netta di 384,8
milioni di Euro nel 2009, che rifletteva la minusvalenza registrata
per la cessione della controllata Tiscali UK e di TiNet. Alla fine
dell’esercizio 2010, gli utenti attivi Adsl in Italia sono circa
550 mila (al netto di 40 mila linee Adsl cancellate nel 4Q2010), di
cui 375 mila clienti diretti (Ull) e 369 mila sono clienti dual
play.

Gli investimenti nell’esercizio 2010, interamente relativi a
Tiscali Italia, sono stati pari a circa 35,7 milioni di Euro e
riguardano l’estensione della rete unbundling ed i conseguenti
investimenti operativi relativi alla connessione ed attivazione dei
nuovi clienti Adsl.

Al 31 dicembre 2010 la posizione finanziaria netta del Gruppo è
negativa per 197,6 milioni di euro, in miglioramento rispetto al
dato negativo per 211,2 milioni di Euro al 31 dicembre 2009
(riferita alle sole attività in funzionamento), mentre la
posizione finanziaria netta risulta essere pari a 204,3 milioni di
euro al 31 dicembre 2010.