Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Tv, in Italia 8,4 mln di case “on air” con Ses Astra

Nel 2010 l’offerta via satellite ha conquistato 30mila nuovi abbonati: 2,1 milioni gli utenti che hanno optato per il Free-to-air che conta 300 canali internazionali

12 Apr 2011

Cresce il numero di case che guardano la Tv grazie a Ses Astra. Nel
2010 il numero di abitazioni che riceve dalla flotta satellitare
Astra é aumentato, raggiungendo 135 milioni di case in Europa e
Nord Africa, ovvero oltre la metà di tutte le famiglie che
risiedono in tali regioni.
Il “Satellite Monitor” di Ses, l'annuale ricerca di mercato
che analizza la copertura televisiva in 35 paesi, evidenzia la
continua crescita di Astra su tutte le piattaforme e in tutte le
modalità di diffusione, dalla ricezione diretta via satellite
(Direct-to-Home, Dth) e via cavo, all’Alta Definizione (HD) fino
all’Iptv.

L’indagine mostra, inoltre, come il mercato dell’HD stia
crescendo rapidamente: oggi 16 su 20 milioni di abitazioni Hdtv
ricevono direttamente dai satelliti Astra. Attualmente, la flotta
supporta più di 210 canali in HD forniti dai principali
broadcaster. Secondo l’indagine, Astra si conferma leader nel
processo di digitalizzazione e la più importante piattaforma HD in
Europa.

Nel segmento crescente dell’Iptv (la televisione su protocollo
Internet), l’operatore si posiziona quale provider tecnico
leader. Lo studio dimostra che, attraverso i network head-end, i
satelliti Astra stanno alimentando circa 10 su 12 milioni di case
Iptv. Il satellite è la più grande infrastruttura digitale di
massa che raggiunge un totale di 79 milioni di case con un tasso di
digitalizzazione pari al 95% (75 milioni) contro i 71 milioni di
case raggiunte via cavo, con tasso di digitalizzazione pari al 42%
(29 milioni di cavo).

"La crescita registrata dimostra come il satellite rimanga
l'infrastruttura digitale più interessante", spiega
Ferdinand Kayser, presidente e Ceo di Ses Astra –
Il rapido successo dell’Alta Definizione é dovuto ai vantaggi
che i nostri satelliti offrono, coprendo ampi territori con segnale
di elevata qualità a costi convenienti e accessibili a tutti.
Inoltre, grazie alle collaborazioni con aziende di
telecomunicazioni, stiamo sviluppando servizi ibridi di interazione
tra Internet e televisione che, sono certo, saranno il prossimo
passo nella nostra evoluzione strategica ed uno dei driver
principali del nostro business futuro".

Per quanto riguarda il mercato italiano, la penetrazione
dell’offerta Dth, anche nel 2010, presenta un costante tasso di
crescita (+30.000 case rispetto all’anno precedente),
riconfermando la presenza attiva di Astra sul mercato.
Il numero di case che in Italia ricevono programmi televisivi dal
satellite é passato da 7,9 a 8,4 milioni con un tasso di
digitalizzazione pari al 100%. Di questi, 2,1 milioni hanno
ricevuto nel 2010 l’interessante offerta Free-to-Air, composta da
oltre 300 canali internazionali digitali trasmessi dalla posizione
orbitale a 19.2° Est.

Per quanto riguarda la ricezione digitale in Italia, le principali
modalità di trasmissione digitale sono il digitale terrestre (Dtt)
e il satellite (Dstv). Sono 21,5 milioni le famiglie che ricevono
segnali digitali via satellite o tramite rete terrestre o fibra
ottica. Si tratta di un aumento di 4,4 milioni di case digitali nel
2010; ovvero il 58% delle famiglie italiane riceve tramite Dtt e il
39% tramite Dstv. L’Iptv copre il 4% del mercato digitale
italiano.
Per quanto riguarda l’HD in Italia, nel 2010 sono stati venduti
circa 20 milioni di apparecchi HD ready. Ad oggi, tutti gli schermi
piatti venduti sono HD ready. In Italia, Astra trasmette già il
primo canale HD demo Free-to-air sviluppato in collaborazione con
Rai e visibile dalla posizione 23.5° Est.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link