Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Un premio per la strategia delle risorse umane

22 Mar 2010

T-Systems, divisione Corporate Customer di Deutsche Telekom, è
stata insignita per il secondo anno consecutivo del Top Employer
Award, edizione 2010, il prestigioso premio del Crf Institute che
viene assegnato alle aziende che si distinguono per cultura
aziendale, condizioni lavorative, impegno sociale, sviluppo del
talento e scommessa per l’innovazione.

“Il Top Employer Award è un riconoscimento che premia la
strategia di gestione delle risorse umane – ha commentato Silvio
Angeleri – Human Resources & Organization Director di T-Systems
Italia (cliccare qui per scaricare la foto). Certamente, risulta
vincente l’equilibrio tra vita privata e lavorativa, soprattutto
nei confronti delle donne e delle mamme che possono avvalersi di
strutture dedicate quali il nido aziendale e la flessibilità del
telelavoro, oltre ad alcune iniziative di “social
responsibility”, per cui T-Systems Italia ha ottenuto la
certificazione SA8000. Nel 2009 in T-Systems Italia abbiamo erogato
circa 1.500 giornate di formazione, soprattutto rivolte all’area
tecnica per potenziare le competenze del personale. Ma le nostre
risorse frequentano anche corsi di lingua (trattandosi di una
multinazionale) e approfondiscono aspetti più soft, come quelli
comportamentali e manageriali. Le aree di focus, pur nella
continuità, variano di anno in anno. La fascia alta del management
nel 2009, per esempio, si è concentrata su leadership, strategia e
trust. Mentre i middle manager e i professionisti, che accedono sia
alla formazione manageriale e tecnico professionale che a quella
comportamentale, hanno lavorato su temi diversi, a partire dal team
working fino ad arrivare al customer relationship management”,
conclude Angeleri.

T-Systems ha un organico in Italia di oltre 600 persone, di cui 34
su 100 laureate. Pur operando in un campo a prevalenza maschile, ha
una presenza femminile che arriva al 26%. Ed impiega soprattutto
30-40enni: il 46% dei dipendenti è in quella fascia d’età, ma
è anche una società che può vantare un’anzianità aziendale
tendenzialmente elevata (la media è di otto anni) e un turn over
limitato intorno al 4,5%.