Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

GARTNER

Vendite di tablet al raddoppio nel 2012

Gartner: quest’anno saranno commercializzati 118,9 milioni di tavolette, rispetto ai 60 milioni del 2011. L’iPad continuerà a dominare il mercato per i prossimi 4 anni

11 Apr 2012

Paolo Anastasio


Secondo stime di Gartner, nel 2012 le vendite di tablet a livello globale sono destinate a raddoppiare trainate in primo luogo dall’iPad. La società di analisi prevede che saranno venduti 118,9 milioni di tablet nel 2012, a fronte dei 60 milioni del 2011, un numero destinato ulteriormente a raddoppiare nel 2016 raggiungendo quota 369,3 milioni. Secondo Gartner, i tablet di Apple continueranno a dominare il mercato per i prossimi 4 anni, quadruplicando le vendite nel 2016 quando saranno venduti 169,7 milioni di iPad, anche se la quota di mercato di Cupertino è destinata a calare, passando dal 66% di oggi al 46% del 2016.

Secondo Gartner, le vendite di tablet basati su Android aumenteranno di otto volte entro il 2016, quando raggiungeranno 137,7 milioni di pezzi venduti. Secondo l’analista Carolina Milanesi, il punto di forza dei tablet Android saranno gli smartphone basati sullo stesso sistema operativo.

Secondo Milanesi, i clienti che scelgono un dato ecosistema per gli smartphone tendono a mantenerlo anche per i tablet, perché c’è “molta più interdipendenza oggi”, dice, aggiungendo che le vendite di Android sono sostenute nei mercati asiatici, dove I client acquistano device più a buon mercato da produttori meno conosciuti.

In confronto, dice l’analista di Gartner, nei mercati occidentali Android non è stata in grado di replicare il successo asiatico nel segmento degli smartphone, perché non ha un numero sufficiente di app e di content. Per questo Milanesi sostiene che per incrementare le vendite di tablet Android sia necessario che i maggiori partner, fra cui Samsung e Amazon.com, debbano sviluppare più app e metterle a pagamento.