Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Vimpelcom-Wind, è fatta. Izosimov al timone

Si è chiusa la fusione da 1,5 mld di dollari. A capo della società ci sarà l’attuale Ceo dell’operatore russo; Khaled Bichara, ex Ceo di Wind Telecom, sarà presidente e Coo. L’headquarter ad Amsterdam

15 Apr 2011

E' chiusa la fusione tra Vimpelcom e Wind Telecom: la chiusura
dell'operazione che vedrà l'aggregazione delle due aziende
dando vita al sesto gruppo di telecomunicazioni globale al mondo è
annunciata in una nota dalle due società.
Come risultato dell'operazione, Vimpelcom possiede, attraverso
Wind Telecom, il 51,7% di Orascom Telecom ed il 100% di Wind
Telecomunicazioni (Wind Italia). L'unione di Vimpelcom e di
Wind Telecom dà origine al sesto principale operatore mondiale di
telecomunicazioni mobili con una presenza in 20 paesi e 181 milioni
di clienti al 31 dicembre 2010.

Lo scorso 17 marzo 2011, l'assemblea degli azionisti di
Vimpelcom ha approvato l'emissione di azioni ordinarie e di
azioni privilegiate convertibili, ponendo le basi per la
costituzione di questa piattaforma globale diversificata. Come
corrispettivo i precedenti azionisti di Wind Telecom hanno ricevuto
325,639,827 azioni ordinarie di VimpelCom e 305,000,000 azioni
privilegiate convertibili di VimpelCom, entrambe di nuova
emissione, un corrispettivo in denaro pari a 1,495 miliardi di
dollari e riceveranno alcune attività oggetto di scorporo dal
gruppo Wind Telecom che verranno trasferite a Weather Investments
II (Weather II).

Il corrispettivo in denaro di 1,495 miliardi di dollari – precisa
la nota – è stato finanziato da saldi di cassa esistenti e
dall'emissione di nuovi strumenti di debito, si legge nella
nota. Il finanziamento dell'operazione prevede che il debito di
Wind Italia e di Orascom Telecom rimanga in capo alle stesse, con
parte del debito della holding di Orascom Telecom rifinanziato con
un prestito intra-gruppo da VimpelCom. Il debito in capo alle
controllate di Orascom Telecom rimarrà in piedi. Il management
prevede di consolidare i risultati finanziari di Wind Telecom a
partire dal 15 Aprile 2011.

''Questa importante operazione è un passo significativo
nello sviluppo di Vimpelcom – coomenta il presidente della società
Jo Lunder – in quanto rappresenta la base di crescita, da sempre
sostenuta dal Supervisory Board , che ci permette di diventare un
vero protagonista globale con una forte presenza in Europa, Asia e
Africa. La nuova Vimpelcom, così ampliata, rimane comunque fedele
sia agli elevati standard di governance aziendale che alla
creazione di valore per gli azionisti nel 2011 e negli anni a
venire, entrambi elementi essenziali per il successo di
un'azienda globale di primo piano''.
Dal canto suo Naguib Sawiris, presidente di Wind Telecom, ha
spiegato che il suo gruppo ha ''una comune visione globale
con i nostri nuovi partner di VimpelCom. Le prospettive della
nostra nuova piattaforma di telecomunicazioni, così ampliata e
diversificata – ha proseguito l'imprenditore egiziano – sono
estremamente interessanti e riflettono l'alta qualità delle
nostre attività in ciascuna delle aree geografiche in cui
operiamo. Inoltre, sono fiducioso che i nostri azionisti di
minoranza in Orascom Telecom potranno beneficiare delle sinergie
risultanti dalla combinazione delle due aziende e dal rafforzamento
complessivo dello stato patrimoniale di Orascom
Telecom''.
Per Alexander Izosimov, amministratore delegato di Vimpelcom,
''la chiusura di questa vasta e complessa operazione apre
le porte a nuove ed interessanti opportunità di crescita, mettendo
la società in condizione di capitalizzare su una forte crescita
nei mercati emergenti, sul consolidamento industriale e sul rapido
sviluppo del traffico dati su rete mobile''.

Dopo il completamento della transazione, il Consiglio di
Sorveglianza di VimpelCom ha approvato la nuova struttura
aziendale. La sede centrale della Società sarà ad Amsterdam dove
verranno centralizzate le funzioni aziendali, tra cui l’area di
finanza, fiscale, contabile di controllo, tesoreria, affari legali
e regolatori, risorse umane, relazioni pubbliche e con gli
investitori, operazioni commerciali e l’IT strategy.
La nuova VimpelCom sarà guidata da Izosimov a cui risponderà il
senior management che include il presidente e Chief operating
officer, Khaled Bichara, il Chief financial officer, Henk van
Dalen, il Group General Counsel, Jeff McGhie, il Group Human
Resources Director, Anja Uitdehaag; il Group Human Resources
Director, Uitdehaag Anja. Il responsabile del Group Regulatory
Affairs invece deve essere ancora nominato.

Nel ruolo di Coo Bichara, ex Ceo di Wind Telecom, avrà anche
responsabilità per la Società Business Unit e della divisione IT,
responsabilità per le quali sarà affiancato da un Chief
technology officer e un Chief Commercial Officer.
Cinque saranno le unit business chiave: Europa e Nord America (tra
cui l'Italia e Canada), Russia, Ucraina, Cis, Africa e Asia.