Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Vodafone, addio vertenze: vince la conciliazione

Il 97% delle “querelle” con gli utenti si conclude con l’accordo fra le parti. Un successo frutto dell’accordo siglato due anni fa con le associazioni dei consumatori. E la società capitanata da Bertoluzzo continua ad investire sulla customer care: è l’ora dei social network

14 Apr 2011

A due anni dalla firma, mostra di funzionare il protocollo di
conciliazione paritetica siglato da Vodafone Italia con le
associazioni dei consumatori: “Quasi il 97% delle conciliazioni,
in un anno, si risolve positivamente ed i tempi di risposta sono
molto rapidi”, ha detto Paolo Di Domenico, head of Customer
Affairs di Vodafone, intervenendo al Festival Internazionale del
Giornalismo in corso a Perugia. “Abbiamo instaurato una relazione
collaborativa preventiva – ha sostenuto – che ci consente di
confrontarci su quanto Vodafone già fa per tutelare i propri
clienti e, nello stesso tempo, capire in anticipo quali sono i
nuovi bisogni dei consumatori”.

A Perugia Vodafone ha anche presentato il Vodafone Lab, nato a
luglio 2008 come “luogo dove discutere, scambiarsi opinioni su
argomenti del mondo tecnologico e toccare con mano tutte le più
importanti novità di questo mercato”, spiega Paola Bonomo,
direttore Online Services Vodafone Italia. “Il Vodafone Lab è
una palestra fondamentale per dialogare con il pubblico in maniera
aperta e trasparente, uno spazio di ascolto dei nostri Clienti per
lavorare anche sulle loro critiche e migliorare la nostra offerta;
lo stesso spirito e lo stesso approccio di rispetto nei confronti
della community sono quelli che applichiamo anche nelle
conversazioni su Facebook e Twitter”.
Proprio di recente Vodafone ha lanciato un servizio di assistenza
via Twitter dove operatori specializzati rispondono alle domande
dei clienti direttamente sull’account ufficiale di Vodafone e, se
necessario, si rendono disponibili a un ricontatto telefonico.