Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Zte: “Non rinunciamo al mercato Usa”

Nonostante l’opposizione di Washington, il vendor cinese tratta con i quattro grandi carrier americani per fornire le proprie attrezzature di rete. Intanto a livello globale si stima per il 2012 una crescita a due cifre delle revenue grazie all’avvento del 4G

17 Nov 2011

Zte non getta la spugna. Il vendor cinese di attrezzature telecom
pensa ancora di poter vendere i suoi prodotti ai quattro grandi
carrier americani nonostante gli ostacoli di natura politica:
"Anche se siamo stati bloccati dal governo degli Stati Uniti,
non possiamo semplicemente rinunciare a entrare sul mercato
americano del network equipment”, ha dichiarato Richard Ye,
senior director of wireless product operations di Zte, ai margini
dell’Asia Mobile Congress.

Come noto, Zte è uno dei maggiori fornitori mondiali di hardware
per le telco e il suo obiettivo è espandersi sui mercati
sviluppati, ma negli Stati Uniti incontra la resistenza del
governo, che teme rischi per la sicurezza nazionale (anche la
connazionale Huawei Technologies si trova in una situazione
simile).



A ottobre il presidente di Zte Hou Weigui aveva dichiarato che non
avrebbe cercato accordi negli Usa per le attrezzature di rete core
a causa degli ostacoli di natura politica. Tuttavia oggi Ye fa
sapere che Zte non può veramente restare fuori da un mercato
“così importante per le dimensioni e l'alta spesa
pro-capite”, come riporta il Dow Jones. Per questo la società
cinese continua a trattare con T-Mobile Usa, At&t, Sprint Nextel e
Verizon Wireless, ai quali già offre feature phone e chiavette
dati ma non può per ora fornire attrezzature di rete.


Per rassicurare ulteriormente il governo Usa,
 Zte ha garantito
che non venderà network equipment a nazioni come l’Iran (al
contrario di quanto fa Huawei, che invece è un importante
fornitore del governo di Teheran).

Stati Uniti a parte, Zte rifornisce gli operatori di rete di Europa
e Asia e Ye si aspetta che le revenues delle attrezzature
continuino a registrare un incremento a due cifre il prossimo anno
visto che le telco stanno adottando in tutto il mondo le tecnologie
di nuova generazione ultra-veloci per rispondere al boom del
traffico mobile.

 "Con la rapida diffusione di smartphone
e altri device mobili connessi a Internet, gli aggiornamenti di
rete sono sempre più cruciali per i carrier", nota Ye. Zte ha
circa 90 trial e contratti commerciali a livello globale per
realizzare reti 4G.