Cappello (Nsn): "Per affrontare le nuove sfide bisogna cambiare mentalità"

IL PROTAGONISTA

Da luglio a capo di Nokia Siemens Networks la manager punta il dito contro la scarsa digitalizzazione italiana: "Tutti assieme come comparto, vendor, operatori e governo, dobbiamo fare moltissimo"

di Matteo Buffolo
Il mercato sta cambiando e per affrontare le sfide bisogna pensare in maniera differente, per essere in grado di offrire sempre qualcosa di più ai propri clienti e per capire quali sono le mosse giuste per cavalcare le nuove tendenze. Sembra essere questo il “credo” di Maria Elena Cappello, da luglio a capo di Nokia Siemens Network in Italia, ma tutt’ora anche responsabile delle strategie e dello sviluppo del business in Europa: un occhio alla diversità (ed essendo una donna alla guida di una compagnia attiva nell’IT viene facile), uno alla convergenza e uno ovviamente al cliente.

Cosa vuol dire per una donna essere alla guida di un gruppo dell’Ict?
È qualcosa di unico. Non ci sono molte donne nell’IT, sia in Italia che in Europa, quindi ha i vantaggi dell’unicità, delle cose rare. A cui vanno aggiunte le sfide di essere in un mondo prettamente maschile. In Italia, poi, siamo un po’ più conservatori: adesso si parla molto di quote rosa, anche nel mondo della finanza, per portare più punti di vista nelle aziende. Il mondo delle telecomunicazioni e dell’information technology, devo ammettere, è ancora più conservatore. Ma, come tutte le diversità, anche quella al femminile dà tanti vantaggi alle aziende, per differenza di pensiero, per il modo di affrontare gli affari, per la creatività differente che si mette in campo. Insomma, è senza dubbio un dato positivo.

Soprattutto in un momento in cui il mercato sta cambiando e tutti sembrano guardare più ai servizi.
Stiamo effettivamente vivendo uno shift da un mercato di hardware ad un mercato di software, e questo vale sia per noi, come provider di infrastrutture, sia per gli operatori. Si tratta di un cambiamento importante per il nostro mercato, perché non lo abbiamo guidato noi, ma è piuttosto causato da una serie di comportamenti degli utenti. Un esempio è il mondo degli smartphone, un altro è come vengono utilizzati e scambiati i dati sulla rete… Si tratta di fenomeni che hanno cambiato moltissimo la nostra strategia: siamo tutti appassionati di servizi perché il mercato chiede questo.

E come si affronta questa richiesta?
In primis, c’è un aspetto tecnologico, che riguarda la rete, la sua velocità, la sua capacità e come va gestita; questo è un punto fondamentale su cui si basa l’evoluzione del nostro mercato. La seconda gambe è quella della conoscenza profonda del cliente, di cosa fa e di soprattutto di cosa vuole. Più riusciamo ad avere una conoscenza profonda e puntuale di come si comporta, migliori saranno i servizi che riusciremo a dargli e, conseguentemente, maggiori saranno i ricavi. Cosa vuol dire questo? Vuol dire trasformare l’offerta che va verso i clienti, segmentarli, capire come e dove si muovono e cosa fanno. La localizzazione, ad esempio, è una componente importante, perché dà una qualità del servizio più alta in un momento in cui il cliente è in grado di prendersi da solo ciò che vuole, perché sa dove cercarlo. Il nostro compito diventa quindi essere in grado di offrirgli qualcosa che oggi si aspetta. Bisogna, come Nsn ha fatto, concentrare su questo punto la propria attenzione e risorse di ricerca e sviluppo, per costruire prodotti e soluzioni che aiutino gli operatori a capire come veicolare meglio le loro offerte per creare valore.

Conoscere bene i clienti, dunque. Ma i clienti sono contenti di farsi conoscere? O ci sono piuttosto remore per quanto riguarda la privacy?
Il cliente è contento se gli viene offerto qualcosa in cambio: bisogna partire dal valore. Più riesci a capire cosa il cliente vuole, più lui sarà contento. Se invece si inonda il mercato con servizi a 360 gradi si rischia di trovarsi con un’offerta usata dall’1% della popolazione, oltre a non dimostrare il valore aggiunto che si propone.

All’offerta, però, serve anche una rete su cui appoggiare i servizi. Magari a banda molto larga.
Le reti oggi si trovano ad affrontare problemi differenti. C’è una convergenza, sempre maggiore, su un unico oggetto di dati e voce: già lo facevamo sul telefonino, ma ora, con i nuovi tablet, sarà una tendenza sempre crescente e con un formato che permette anche di aggiungere altri servizi, come quelli legati ai libri e ai giornali, e quindi all’editoria.
Ci stiamo spostando, come industry, dalla voce ai dati: nella voce c’è sicuramente ancora valore, ma è una tendenza chiara. Questa convergenza, con l’avvento degli smartphone, ha causato sulla rete delle problematiche di traffico importantissime e quindi bisogna agire per ottimizzarla, ottenendo un rilascio di capacità, e al tempo stesso anche modernizzarla. Quando farlo è una scelta degli operatori, mentre come farlo è una responsabilità che anche noi ci siamo posti. Ma deve essere fatto in un quadro nazionale.

Ovvero?
Ad esempio, la Germania ha scelto di portare la fibra in ampie zone del paese e di coprire le altre parti con le frequenze televisive, per cui è stata fatta da poco l’asta. Ecco, questa è una scelta nazionale. In Italia alcune scelte, anche dal punto di vista governativo, devono essere fatte: si parla di digital divide, si parla di ftth (fiber to the home, ndr).
Abbiamo ancora un livello di digitalizzazione molto basso: su questo, tutti assieme come comparto, vendor, operatori e governo, dobbiamo fare tantissimo a livello di Paese. Inoltre, gli operatori e i vari governi europei devono anche affrontare il problema del roaming e soprattutto del data roaming, perché alla fine gli utenti che pagano, se pagano una cifra che non ritengono equa, hanno oggi a disposizione mezzi diversi per trovare i dati che cercano. Queste problematiche il mercato se le sta ponendo e sono necessarie delle accelerazioni nelle risposte.

L’Ngn è un tema centrale degli ultimi anni. Ma, nel suo sviluppo, è centrale anche il tema della net neutrality.
Che è un concetto giusto, che noi sposiamo, ma che richiede delle differenziazioni: non si può dare la stessa banda a tutti, anche a quelli a cui non serve. Anche qui, è importante segmentare i clienti, capire chi vuole la banda, quanto è disposto a pagarla e a cosa gli serve.

Il dubbio è che, attualmente, una rete più veloce in Italia sia richiesta più dal mondo consumer che da quello business.
Non sono pienamente d’accordo: basti pensare agli smartphone, che coprono principalmente l’ambiente business e stanno generando tantissimo traffico sulle nostre reti mobili. Poi è ovvio che è necessario che la rete sia contemporaneamente business e consumer: proprio per questo il punto è come monetizzarne l’occupazione da parte dei diversi tipi di dati. Quello che vediamo noi è che dobbiamo essere in grado di fornire la possibilità all’operatore di capire molto meglio come dividere la banda, come strutturare i servizi che dà al cliente e come associarci un prezzo che venga percepito come equo.

02 Novembre 2010