Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA DECISIONE

Agenzia spaziale, il governo “licenzia” il presidente Battiston

Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, dispone la revoca immediata del mandato. Lo scienziato commenta su Twitter: “E’ il primo spoil system di un ente di ricerca”

06 Nov 2018

F. Me

Il ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, Marco Bussetti ha disposto la revoca immediata dell’incarico di presidente dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) al fisico trentino Roberto Battiston. Lo ha annunciato su Twitter lo stesso Battiston.


Battiston era alla guida dell’Asi dal 2014 e il suo incarico era stato rinnovato, fino al 2022, a maggio scorso.

Il secondo mandato di Battiston era iniziato, come prevede la legge, con una valutazione da parte di una commissione di Miur, di cui faceva parte anche il direttore generale del Cern Fabiola Gianotti.

Battiston, professore ordinario di Fisica sperimentale all’Università di Trento, nella sua lunga carriera accademica e scientifica, ha tra l’altro proposto insieme a Nobel Samuel C.C. Ting la realizzazione di uno spettrometro magnetico (AMS-2) per effettuare per la prima volta misure di precisione dei raggi cosmici nello spazio. Strumento diventato operativo nel 2011 a bordo della Stazione spaziale internazionale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
asi
R
Roberto Battiston

Articolo 1 di 5