Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RICERCA

Agilità organizzativa chiave per la digital transformation

Dalla survey realizzata da Workday emerge che le aziende italiane riconoscono all’innovazione un ruolo centrale per lo sviluppo del business e quasi il 90% dichiara di possedere una strategia ad hoc. Ma non basta: molti progetti falliscono perché la visione imprenditoriale non si accompagna con un nuovo assetto

29 Gen 2020

Elisabetta Bevilacqua

Il 53% delle imprese italiane prevede di trarre dal digitale oltre la metà dei propri ricavi entro il 2022, un andamento in linea con altri paesi europei come Francia, Germania e Regno Unito. E’ questo uno dei risultati di una ricerca presentata a Milano da Workday, fornitore specializzato in applicazioni cloud per l’area finance e risorse umane. Lo studio, in collaborazione con Longitude, ha coinvolto 998 executive di tutti i continenti, prevalentemente nelle aree IT e Operation, Finance e HR. “Il digitale è uno dei principali elementi di trasformazione e fonte di revenue per le imprese– ha dichiarato Pierre Gousset, Vicepresident Presales Emea, WorkdayPer poterlo sfruttare le organizzazioni devono però innovarsi rapidamente: velocità e agilità vanno di pari passo”.

Dalla ricerca emerge che, nonostante la grande maggioranza degli executive a livello mondiale scommettano sullo sviluppo del digitale, solo il 25% dichiara progressi significativi, mentre gli shareholder incalzano per vedere i ritorni degli investimenti. I business leader italiani considerano, fra i principali ostacoli per lo sviluppo digitale, difficoltà nel campo cybersecurity, compliance e privacy (49%, contro il 42% della media degli altri paesi), vincoli derivanti dal legacy IT e, in terza posizione, la carenza di skill (33%) che altri paesi collocano in ultima posizione con il 29%.
Per superare queste barriere, Gousset indica la prospettiva dell’agilità, che le organizzazioni dovrebbero perseguire mettendo in atto una pianificazione continua, strutture e processi fluidi, migliori competenze della forza lavoro, dipendenti informati e capaci di decidere, misure e controlli per verificare i risultati.

Puntare su sistemi, competenze e cultura per evitare gli insuccessi

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

Come evidenzia Mariano Corso, Responsabile scientifico Osservatorio HR Innovation Practice, del Politecnico di Milano, a fronte di un cambiamento esponenziale delle tecnologie e del contesto, la capacità di cambiamento delle organizzazioni tradizionali è solo logaritmico, opponendosi di fatto al cambiamento. “L’agilità è una leva indispensabile per sopravvivere nell’era digitale”, sottolinea, ricordando che l’88% delle imprese italiane dichiara, probabilmente con un certo ottimismo, di avere una chiara strategia digitale, che si manifesta anche con una crescita del 2,8% del budget IT. “Il problema non è la mancanza di strategia ma la capacità è eseguirla- aggiunge – Alla visione imprenditoriale si dovrebbe infatti affiancare una preparazione dell’organizzazione”.
Da una ricerca effettuata dal Politecnico, in collaborazione con Assochange, emerge che oltre il 50% dei progetti fallisce, mentre sono proprio le organizzazioni agili a manifestare una maggiore percentuale di successo. Sistemi, competenze e cultura inadeguati, rispetto alle ambizioni di trasformazione digitale, rappresentano dunque oggi la principale emergenza.

I punti critici su sui lavorare

Le imprese italiane evidenziano, rispetto a  quelle degli altri Paesi, maggiore rigidità dei sistemi e scarsa accessibilità dei dati, oltre a carenza, per i prossimi 5 anni, negli skill a più elevato valore aggiunto. Il 39%, contro 30% del totale, dichiara assenza di competenze che richiedono l’uso di nuovi strumenti e tecnologie, il 33%, contro 25% del totale, di flessibilità cognitiva necessaria a gestire il cambiamento. Figura infine, fra gli ostacoli per la creazione di una struttura organizzativa più agile, una maggiore prevalenza di cultura organizzativa burocratica (39% in Italia contro il 32% della media).
Questo quadro rende problematico anche l’engagement delle persone, indispensabile per il successo dei progetti. Come risulta da un panel Doxa, citato da Corso, le organizzazioni agili generano l’85% di persone motivate e coinvolte, conto il 31% delle organizzazioni tradizionali.
In conclusione, le imprese, per sfruttare concretamente i benefici del digitale, dovrebbero accelerare gli investimenti sui sistemi per favorire la condivisione dei dati, sviluppare nuove competenze, favorire la cultura del cambiamento attraverso l’engagement delle perone.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5