Calcagno: "Digitalizzazione, un processo continuo" - CorCom

VERSO LA RIPRESA

Calcagno: “Digitalizzazione, un processo continuo”

Rivoluzione tecnologica, innovazione e crescita: è la sfida con la quale si deve misurare l’Italia. Ma servono infrastrutture e una strategia funzionale ai piani ambiziosi del governo. Ecco la vision dell’Ad di Fastweb

30 Set 2015

Alberto Calcagno, Amministratore Delegato Fastweb

In Fastweb abbiamo avviato da tempo la nostra trasformazione digitale. Per un’azienda di telecomunicazioni è normale essere delle vedette nel digitale, tanto più per come è fatta Fastweb, cioè totalmente orientata all’innovazione. Siamo in vantaggio rispetto a comparti più tradizionali e fisici: partendo in anticipo e con la giusta forma mentale, abbiamo potuto maturare un’evoluzione digitale. Con quest’espressione intendo uno sviluppo digitale più organico e meno traumatico di una vera e propria discontinuità, a cui sono obbligate altre industrie e altre aziende. L’evoluzione digitale richiede comunque tantissimo sforzo, perché la digitalizzazione non è un passaggio che si fa una volta sola ma è una continuo processo nel quale non ci si può fermare a dirsi “è fatta”. Come impresa digitale, noi stiamo imparando tanto dall’interazione con i nostri clienti che ci porta a modificare e ad aggiustare i nostri obiettivi: nel mondo digitale e interconnesso, gli obiettivi aziendali sono prodotto delle interazioni con vari soggetti: prima di tutto i clienti, attuali e futuri, e i dipendenti.

Mi rendo conto di avere un punto di vista privilegiato, e credo che le industrie e le aziende che non si sono ancora poste il problema di come digitalizzare il rapporto con i loro clienti, di come creare nuovi prodotti digitali e di come digitalizzare i processi interni, abbiano un enome lavoro da fare. La Pubblica Amministrazione è forse il soggetto in Italia con più potenzialità e più benefici da ottenere, e allo stesso tempo è quello più indietro nell’opera, anche se questo governo ha fatto sentire il suo impegno e la sua determinazione a perseguire la digitalizzazione. Perché è proprio dalla azione della Pubblica Amministrazione, che interagisce con ogni singolo italiano migliaia di volte nel corso della vita, che noi imprese ci aspettiamo il maggior contributo alla cultura e all’uso del digitale.