Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA VISION

Come si fa a fare business col cloud? Dell Emc sale in cattedra alla Bocconi

Nel “Manifesto della Cloud Enterprise”, messo a punto insieme con l’ateneo milanese, le linee guida per migrare alla logica as-a-service e trasformare la “nuvola” in uno strumento che frutta

29 Gen 2019

L’impresa fondata sul Cloud sarà probabilmente il modello di business maggiormente diffuso nella prossima fase della trasformazione digitale, in cui risorse aziendali – anche core – si legheranno in modo sempre più indissolubile al concetto di servizio e sempre meno a quello di prodotto. In uno scenario in cui diversi elementi come persone, oggetti e dati aziendali sono connessi tra loro, il Cloud computing rappresenta l’ambiente che ne abilita il dialogo. Sulla base di questa convinzione Sda Bocconi e Dell Emc hanno stilato il primo “Manifesto della Cloud Enterprise”. Si tratta per l’appunto di una serie di linee guida strategiche e di suggerimenti operativi per tutte quelle aziende che hanno l’obiettivo di assumere una configurazione maggiormente basata su componenti di business e asset aziendali – anche core – in modalità Cloud.

“Seppure il Cloud computing possa definirsi una tecnologia ormai consolidata da diversi anni, la Cloud Enterprise rappresenta una ‘filosofia’ aziendale che sta facendo il suo esordio all’interno dell’attuale processo di trasformazione digitale delle imprese”, commenta in una nota Marco Fanizzi, VP & GM Enterprise Sales di Dell Emc Italia. “Essendo ancora agli albori, non ci sono ancora dati definitivi e completi sui vantaggi di un tale approccio operativo. Tuttavia, è innegabile che la Cloud Enterprise porti con sé opportunità significative legate a un modo di fare impresa, contribuendo a sviluppare un modello gestionale contraddistinto da maggiore velocità e agilità, più flessibile e scalabile, e sicuramente più reattivo ai cambiamenti di mercato”.

Il “Manifesto della Cloud Enterprise” cerca di delineare il profilo e le caratteristiche generali di una azienda tipica che voglia tentare il salto sulla Nuvola, descrivendone modus operandi e dinamiche alla luce del nuovo approccio organizzativo. Eccone, secondo Sda Bocconi ed Emc, le prerogative fondamentali:

  • La Cloud Enterprise è un’impresa che ha compreso e avviato un percorso di trasformazione digitale, con la forte convinzione che il cambiamento indotto dalla tecnologia vada affrontato in modo continuo, incrementale e non dirompente.

  • La Cloud Enterprise è quell’impresa predisposta a esternalizzare, a collocare in modo rilevante sulla Nuvola, componenti di business interi o processi e applicazioni aziendali, operativi e analitici – ma anche risorse e competenze specializzate – ed è orientata a gestire questi componenti a livello integrato.

  • Le Cloud Enterprise abbandona il concetto di proprietà e di possesso di asset anche rilevanti per l’impresa, per passare a una prospettiva di “servizio”, di utilizzo a consumo dell’asset (sia esso un server, un’applicazione software, una piattaforma di sviluppo o un intero processo aziendale acquisito all’esterno).

  • La Cloud Enterprise ha l’obiettivo di trasformare costi di investimento in costi di esercizio (canoni di servizio), di ridurre i valori patrimoniali, al fine di valorizzare l’innovazione It, con modalità nuove più collegate ai risultati aziendali.

  • La Cloud Enterprise è un’impresa più orientata all’integrazione con l’esterno e partecipa più facilmente agli ecosistemi di business, che integrano il B2b con il B2c, perché il digitale ha bisogno di dialogo e di interscambio tra i vari attori.

  • La Cloud Enterprise è disponibile a riconfigurare il proprio sistema informativo aziendale e la propria funzione It su attività nuove, a maggior valore aggiunto per l’attività caratteristica dell’azienda.

  • La Cloud Enterprise fa leva sulla funzione It, che deve sempre più adottare nuove pratiche di lavoro (di governance, di conduzione dei progetti o di erogazione mediata dei servizi), dotarsi di nuove competenze e assumere modelli organizzativi innovativi.

“Il percorso verso una configurazione di impresa maggiormente basata su componenti di business e asset aziendali a servizio in Cloud è senza dubbio avviato e pensiamo sia destinato a svilupparsi in modo robusto nel corso dei prossimi anni – spiega Paolo Pasini della Sda Bocconi School of Management – Tuttavia, non mancano le incognite, soprattutto per quanto riguarda elementi come cultura manageriale, competenze IT e capacità delle aziende di adottare soluzioni applicative e di processo standard o semplicemente parametrizzabili. Un’impresa che si rimodella, acquisendo componenti di business da vari Cloud provider con Dna molto diversi richiede un forte cambiamento culturale da parte del management aziendale e della direzione IT, ma anche una forte attenzione al change-management che è necessario per supportare questo nuovo modello organizzativo e operativo d’impresa”, conclude Pasini.

@RIPRODUZIONE RISERVATA