Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STORAGE

Dropbox rallenta, ma il Ceo Houston rilancia: “Margini di crescita per l’anno”

Il titolo perde il 13% in Borsa dopo il lancio di nuove funzionalità che per il momento sembrano non aver incontrato il favore del pubblico

12 Ago 2019

Antonio Dini

Dropbox ha provato a rilanciare il suo servizio per la gestione facile dei documenti nel cloud e nel disco al tempo stesso, ma forse ha rotto la magia. Le nuove funzionalità non attirano nuovi utenti come sperato e la crescita rallenta. Per il Ceo, Drew Houston, non è un problema perché nell’ultima parte dell’anno c’è ancora margine di crescita. Ma il mercato la pensa diversamente e il titolo perde il 13%. È finito l’idillio?

“Stiamo ancora crescendo. Abbiamo avuto – afferma Houston – un buon trimestre. Abbiamo superato le aspettative. In realtà abbiamo rivisto al rialzo le previsioni per quest’anno. Quindi stanno succedendo molte cose buone e ovviamente siamo molto concentrati sulla crescita”.

Tuttavia i mercati la pensano diversamente. Le azioni di Dropbox venerdì hanno lasciato il 13% del valore in Borsa dopo che la società di condivisione di file ha riferito che la crescita degli utenti paganti e dei ricavi per utente nel secondo trimestre è stata inferiore alle previsioni.

La crescita di utenti paganti di Dropbox nell’ultimo trimestre è stata la più lenta dall’Ipo, e la società non è stata in grado di attrarre più utenti pagati con la sua offerta freemium di prova, sollevando preoccupazioni tra gli investitori sulla sua capacità di convertire gli utenti gratuiti in utenti paganti.

“Ci concentriamo – ha detto Houston – sia sulla crescita del numero di abbonati sia sull’ammontare delle entrate per abbonato. Entrambi di volta in volta fluttuano perché operiamo su larga scala”.

Mentre Dropbox ha visto il numero di utenti paganti salire a 13,6 milioni dagli 11,9 milioni di un anno fa, le entrate medie per utente sono di 120,48 dollari, al di sotto delle stime raccolte da Refinitiv di 120,8 dollari.

Houston ritiene che il servizio Dropbox riprogettato, lanciato a giugno, continuerà a essere il focus dell’azienda e l’area di maggiore crescita nel prossimo trimestre.

“Con il nuovo Dropbox – ha detto Houston – ci concentriamo sulla risoluzione di nuovi problemi per i nostri clienti. La grande opportunità di crescita per noi è portare l’esperienza dell’uso della tecnologia nell’ambito lavorativo, che è diventato sempre più frammentato».

Nonostante il calo delle sue azioni, la società di cloud storage ha superato le stime di Wall Street per il secondo trimestre. Dropbox ha registrato un profitto trimestrale rettificato di 10 centesimi per azione rispetto agli 8 centesimi per azione previsti. Le entrate sono arrivate a 401,5 milioni di dollari contro i 400,9 milioni previsti da Refinitiv.

Secondo Houston “Abbiamo ancora molto lavoro da fare per educare gli investitori sul nostro modello ibrido, che combina i migliori elementi di Internet di consumo a quelli del software aziendale convenzionale, ma non assomiglia affatto a nessuno dei due. Tuttavia, i vantaggi combinati sono davvero redditizi. Ma dobbiamo aiutare le persone a capirlo e capire perché siamo così sicuri del nostro futuro”. Tutto questo ovviamente se il mercato effettivamente valuterà che l’evoluzione della strategia di Dropbox, che da semplice funzionalità di storage e condivisione di documenti nel cloud è diventato un servizio di sharing e collaborazione, sarà effettivamente positiva.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

D
Drew Houston

Aziende

D
dropbox

Approfondimenti

C
cloud storage

Articolo 1 di 3