Irideos sigla il patto europeo per la neutralità climatica dei data center - CorCom

SOSTENIBILITÀ

Irideos sigla il patto europeo per la neutralità climatica dei data center

Il polo italiano Ict, controllato da F2i Sgr e da Marguerite e guidato da Danilo Vivarelli, ha aderito all’iniziativa per la riduzione dell’impatto delle infrastrutture cloud. Obiettivo zero emissioni entro il 2030

22 Gen 2021

Irideos, polo italiano Ict dedicato alle aziende e alla Pubblica Amministrazione controllato da F2i Sgr e da Marguerite, ha siglato il “Climate Neutral Data Center Pact”: il piano europeo per la sostenibilità ambientale delle infrastrutture Cloud e Data Center. Il Patto per la neutralità climatica dei Data Center viene ratificato a un anno dall’adozione del Green Deal europeo ai cui principi si ispira e – si legge in una nota – Irideos, insieme alle più importanti aziende in Europa di infrastrutture Cloud e Data Center, aderisce all’iniziativa di autoregolamentazione creata in collaborazione con la Commissione Europea. L’obiettivo è rendere i Data Center neutrali dal punto di vista degli impatti climatici entro il 2030.

L’accordo prevede il raggiungimento di obiettivi misurabili di efficienza energetica e di riutilizzo delle risorse per i Data Center e per le infrastrutture Cloud, con i primi traguardi fissati già per il 2025.

Gli sforzi di Irideos nell’ambito del Cispe e del progetto Gaia-X

“Siamo molto orgogliosi di poter dare un contributo concreto alla crescita sostenibile e alla protezione ambientale impegnandoci in questa iniziativa di auto regolamentazione”, dichiara Danilo Vivarelli, Amministratore Delegato del gruppo. “Irideos ha iniziato questo percorso sin dalla sua costituzione: i nostri 15 data center sono già alimentati al 100% con energia verde e Avalon2, il nuovo data center appena inaugurato a Milano, è stato costruito con i più elevati standard di efficienza energetica. Sono fermamente convinto che la cooperazione tra gli operatori di Data Center e di Cloud, la Commissione Europea e le associazioni come il Cispe siano fondamentali per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità ambientale promossi dall’Unione Europea.”

Il Cispe (Cloud Infrastructure Services Providers in Europe, di cui Irideos è sin dall’inizio membro) è la coalizione europea di provider di infrastrutture Cloud che opera secondo un Codice di Condotta comune per garantire alle aziende servizi Cloud sicuri, nel pieno rispetto delle normative europee a tutela della riservatezza dei dati.

Irideos (le cui soluzioni fanno leva su una piattaforma tecnologica che integra 15 data center a Milano, Roma, Trento e Verona, piattaforme multi cloud italiane tutte certificate Agid e una rete in fibra ottica di oltre 30 mila km lungo le principali autostrade e la dorsale adriatica) partecipa inoltre, come Day-1 member e con un proprio rappresentante nel Comitato Tecnico europeo, a Gaia-X, l’iniziativa transnazionale per la definizione di standard condivisi di interoperabilità e gestione dei dati per il Cloud europeo.

CLICCA QUI per scaricare il White Paper: "Porting di applicazioni in cloud: la chiave per evolvere il business"

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3