L'ANALISI

E-commerce, quali sono le migliori tecnologie per vendere online?

Adobe, Commercetools, Salesforce e Sap i quattro leader nel Magic Quadrant 2022 di Gartner. Sono i fornitori di eccellenza tra 18 presi in esame. Entro il 2024 il 15% delle organizzazioni userà le piattaforme per il commercio digitale per supportare le attività di vendita

21 Nov 2022

Patrizia Licata

giornalista

home

Sono quattro i fornitori di piattaforme per il digital commerce segnalati nel relativo Magic Quadrant 2022 di Gartner: Adobe, commercetools, Salesforce e Sap. Il settore, sottolinea la società di ricerche, ha messo a segno una crescita record dei ricavi nel 2021: +22%. Il Magic Quadrant ha valutato 18 vendor di piattaforme per il commercio digitale.

Piattaforme per il digital commerce: lo scenario di mercato

Secondo Gartner, nel 2023 i prezzi per le piattaforme di digital commerce B2C saranno del 30% inferiori rispetto al 2019 per la commoditization di alcune funzionalità e l’affermazione delle implementazioni“headless”. Entro il 2024, il 15% delle organizzazioni userà le piattaforme per il digital commerce per supportare sia i clienti che i rappresentanti di vendita in tutte le loro attività.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

Inoltre, entro il 2024 i costi It di gestione delle operazioni SaaS sarà dimezzato per effetto dell’adozione di architetture applicative composable

Entro il 2025 le organizzazioni che offrono un’esperienza di unified commerce grazie a customer journey fluidi e ottimizzati vedranno i ricavi totali crescere di almeno il 20%.

Gartner ha posizionato nel Magic Quadrant le aziende che offrono tecnologie che producono trasformazione e aiutano le organizzazioni a offrire ai loro clienti un’esperienza d’acquisto superiore.

Focus Adobe

Adobe è un leader del Magic Quadrant con la sua piattaforma Adobe Commerce, cui possono essere aggiunti, a pagamento, Adobe Business Intelligence e Adobe Payment Services. Adobe Commerce può anche unirsi a Adobe Experience Manager (AEM), che include le soluzioni di content management e digital asset management (DAM) di Adobe. La piattaforma Adobe Commerce può essere implementata on-premises, sui cloud pubblico (Aws o Microsoft Azure) o su cloud pubblico con i managed services di Abobe. Questa piattaforma ha clienti in tutti i settori, per lo più di dimensioni medie.

I pro di questa piattaforma segnalati da Gartner sono:

  • La ricchezza di funzionalità (B2B, B2C e B2B2C), che include la capacità nativa di fare segmentazione e personalizzazione, fidelizzazione e premi, raccomandazioni, configurazione multisito self-service. Adobe è supportata da un vasto ecosistema applicativo globale e da una rete di partner SI (system integrator).
  • Embedded AI, per fornire approfondimenti basati sui dati che monitorano continuamente l’esperienza del cliente (CX) e l’attività commerciale: contrassegna automaticamente le aree che richiedono attenzione, come l’aumento dell’abbandono, l’abbandono del sito, i problemi di check-out e la velocità di diminuzione dell’inventario, garantendo così che i siti funzionino in modo ottimale.
  • Personalizzazione cross-channel: Adobe Commerce supporta nativamente promozioni personalizzate, e-mail e suggerimenti dinamici sui prodotti.

I contro:

  • Gli upgrade: Sebbene Adobe abbia rilasciato un Upgrade Compatibility Tool in grado di identificare automaticamente i punti in cui potrebbero verificarsi conflitti tra l’attuale implementazione di un’azienda e una versione appena rilasciata, Adobe fornisce un piano di aggiornamento dettagliato con le azioni da compiere, che spettano però al cliente. La maggior parte dei client Gartner riferisce di eseguire due o tre versioni dietro la versione rilasciata più di recente.
  • Le funzionalità B2B: sebbene Adobe continui ad aggiornare la propria offerta B2B, mancano ancora alcune funzionalità.
  • Uso da parte delle grandi imprese: Adobe ha per lo più clienti di medie dimensioni. Quelli che generano più di 250 milioni di dollari di GMV annuo dovranno considerare più attentamente l’adozione del prodotto di Adobe.

Focus commercetools

Commercetools is un leader in questo Magic Quadrant con la sua piattaforma di digital commerce, API-first, multitenant SaaS, disponibile principalmente su Google Cloud Platform e Aws. I clienti possono gestire il frontend su qualunque dei principali fornitori di infrastruttura cloud. Commercetools ha tradizionalmente una forte presenza in Europa, ma la sua presenza in Nord America continua a crescere. steadily. Commercetools ha clienti per lo più nel retail e di grandi dimensioni.

I pro di questa piattaforma segnalati da Gartner sono:

  • L’ecosistema MACH: commercetools si è imposto come uno dei principali influencer nello spazio del commercio componibile con i suoi principi architetturali MACH (microservices, API-first, cloud-native, headless) basati su SaaS. La principale strategia go-to-market di Commercetools è stata la promozione aggressiva di questi principi, principalmente attraverso la MACH Alliance.
    Commercetools è adatto alle aziende interessate a costruire un ecosistema di capacità allo stato dell’arte anziché comprare la suite di un singolo fornitore. 
  • Free trials: commerce tools offre la possibilità di usare una versione di prova di tutta la sua soluzione commerce per uso e validazione interna.
  • Storefront and page builder: commercetools Frontendoffre un creatore di storefront disaccoppiato con la possibilità di visualizzare in anteprima le modifiche in tempo reale tramite un codice QR su tutti i dispositivi, che è una capacità unica tra i fornitori di front-end as a service (FEaaS). Oltre a un’elegante interfaccia utente aziendale, commercetools Frontend fornisce API per connettersi ad altre offerte di sistemi di gestione dei contenuti headless (CMS)/piattaforme di esperienza digitale (DXP). Nei Magic Quadrant precedenti commercetools veniva criticato per la mancanza di funzionalità di creazione di vetrine e pagine per accompagnare la sua offerta commerciale componibile. Con l’introduzione di commercetools Frontend, queste funzionalità sono ora elementi di differenziazione per questo fornitore.

I contro:

  • Funzionalità B2B: Nonostante i continui miglioramenti, commercetools è indietro rispetto ai concorrenti diretti in termini di offerta di una soluzione B2B completa.
  • Personalizzazione e analytics nativi: ha poche capacità in questo ambito, ma offre connettori pre-costruiti per i fornitori terzi.
  • Complessità tecnologica: i clienti di Gartner riferiscono che la tecnologia di commercetools è complessa, costosa da implementare e adatta soprattuto a imprese con team commerce estesi e con competenze tecniche.

Focus Salesforce

Salesforce è leader in questo Magic Quadrant con l’offerta di tre piattaforme commerce: B2C Commerce, per aziende con esigenze complesse che necessità di alti livelli di scalabilità; B2B Commerce, per le aziende B2B; e B2B2C Commerce, per I clienti di B2B Commerce che vogliono anche vendere direttamente ai consumatori. Salesforce offre separatamente altri prodotti per la gestione degli ordini, i portali dei clienti e i pagamenti. Salesforce serve imprese di ogni dimensione e su tutti i mercati globali.

I pro di questa piattaforma segnalati da Gartner sono:

  • Servizi Lightning condivisi: Salesforce investe nella creazione di quelli che chiama “servizi condivisi” sulla sua piattaforma di sviluppo Lightning, che può essere utilizzata da qualsiasi delle sue piattaforme commerciali. Ad oggi, ci sono cinque servizi condivisi che possono essere utilizzati da ciascuna delle piattaforme commerciali e altri sono in arrivo.
  • Offerte di settore: Salesforce offre soluzioni specifiche di settore che combinano più prodotti Salesforce per fornire modelli di dati e flussi di lavoro specifici per settore. L’ampiezza dell’offerta di Salesforce consente di creare combinazioni e varietà di soluzioni come pochi altri vendor possono fare.
  • Funzionalità multisite: le piattaforme B2C e B2B di Salesforce eccellono nella configurazione e nell’amministrazione multisito self-service. Includono funzionalità per la gestione delle preferenze di localizzazione come lingua, valuta e metodo di tassazione.

I contro:

  • Transizione architetturale B2C: sia i clienti consolidati che quelli nuovi di B2C Commerce utilizzano uno stack tecnologico di base per il commercio che non è stato creato sulla piattaforma Salesforce Lightning. Man mano che Salesforce costruisce più servizi condivisi sulla sua piattaforma Lightning, i clienti B2C dovranno valutare la scalabilità di questi servizi.
  • Necessario l’acquisto di nuove funzionalità: Salesforce richiede dai clienti di comprare componenti aggiuntive per alcune funzionalità commerce di base.
  • Pricing B2B: I clienti di Salesforce B2B Commerce devono comprare licenze d’uso per i buyer sulla piattaforma, oltre a pagare la piattaforma su base per ordine o percentuale del GMV.

Focus SAP

Sap è leader in questo Magic Quadrant con l’offerta Sap Commerce Cloud, una piattaforma ibrida multitenant SaaS e single-tenant hosted con capacità platform as a service (PaaS) che usa l’infrastruttura Microsoft Azure. Include Intelligent Selling Services, un insieme di moduli multitenant disaccoppiati per abilitare personalizzazione, ricerca, raccomandazione di prodotti e merchandising, come parte dello spostamento di Sap verso un’architettura modulare. Sap ha clienti in tutti i Paesi e i settori e la sua piattaforma è usata di frequente in scenari B2B da azienda che già usato soluzioni Sap per l’ERP.

I pro di questa piattaforma segnalati da Gartner sono:

  • Gestione dei contenuti: l’applicazione SAP Product Content Management è inclusa nelle licenze SAP Commerce Cloud. Fornisce funzionalità più complete rispetto alle capacità di gestione del prodotto della maggior parte delle altre piattaforme commerciali valutate in questo Magic Quadrant.
  • Storefront editor decoupled: l’applicazione SAP Commerce SmartEdit è inclusa nella licenza SAP Commerce Cloud. Consente agli utenti aziendali di creare e modificare pagine nell’applicazione a pagina singola front-end disaccoppiata di SAP, Spartacus.
  • Supporto aziendale e scalabilità automatica: SAP supporta grandi aziende globali con una grande quantità di SKU, traffico e ricavi che attraversano la piattaforma.

I contro:

  • Modularità: offre solo componenti specifici disaccoppiati in moduli separati (ricerca, consigli sui prodotti e Servizi di vendita intelligenti). Le aziende che cercano architetture più ampiamente modulari dovrebbero considerare altre piattaforme.
  • Offerta B2C limitata: nel 2022 SAP ha interrotto la sua piattaforma Upscale Commerce, posizionata per le aziende B2C di fascia media. Ha lanciato invece l’offerta QuickStart con un costo fisso ma i clienti di Gartner riferiscono tempi di implementazione più lunghi.
  • Pricing e negoziazione dei contratti: i clienti Gartner riferiscono difficoltà nel comprendere il processo di prezzi e negoziazione di SAP. SAP pertanto ottiene un punteggio relativamente basso in questo ambito.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5