Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

I dati degli utenti “sfuggono” ad Amazon: allarme in Uk

Nomi e indirizzi e-mail di un numero imprecisato di clienti sono stati resi pubblici. Il colosso dell’e-commerce: “Nessun attacco informatico, ma soltanto un errore tecnico. La sicurezza degli account è in cima alle nostre priorità”

22 Nov 2018

A. S.

I dati personali di un numero imprecisato di utenti di Amazon è finito online in chiaro, sfuggendo in pratica ai controlli e alle politiche di sicurezza del colosso dell’e-commerce, proprio mentre è in corso la settimana dello shopping che culminerà il 23 novembre nel black friday. Gli interessati vengono contattati direttamente dalla società, che segnala loro l’inconveniente.

A lanciare l’allarme privacy era stato un gruppo di utenti del Regno Unito, ma al momento non si conosce né il numero esatto né la localizzazione degli utenti vittime del disservizio.

Non si sarebbe in ogni caso trattato, secondo Amazon, di un attacco informatico, ma di un più banale errore tecnico rapidamente risolto, che non comporta la necessità di cambiare password.

Amazon prende la sicurezza seriamente e quella degli account è in cima alle nostre priorità – nota la società rispondendo a una sollecitazione del quotidiano britannico Guardian – Abbiamo policy e misure che assicurano che le informazioni personali sono sicure”.

Si tratta in ogni caso di un grattacapo per Amazon che cade proprio a ridosso di due degli appuntamenti più importanti dell’anno per l’e-commerce, che comprendono anche il cyber monday in programma per lunedì 26 novembre.

Questo nuovo allarme va ad aggiungersi a quello lanciato qualche settimana fa dalle pagine del Wall Street Journal, che segnalava come il colosso dell’e-commerce avesse licenziato alcuni dei propri dipendenti, accusati di aver “passato” a rivenditori terzi i contatti di alcuni utenti Amazon

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5