Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L'EVENTO

Facebook si dà al mobile

Oggi sul palco di Menlo Park le novità del social network, orientate alla conquista del mercato smartphone per battere la concorrenza di Apple e Google. Riflettori puntati anche sul Voip e sulla nuova timeline

15 Gen 2013

F.Me.

Come and see what we’re bulding”. Con questo slogan – alle 19 ora italiana ovvero le ore 10 del Pacific Standard Time – Mark Zuckerberg da Menlo Park in California, il quartier generale di Facebook, annuncerà le ultime novità. Novità sulle quali in questi giorni la stampa tradizionale e il Web si sono molto soffermati, tentando di capirne qualcosa di più.

Mentre continua a tenere banco l’ipotesi che il social network presenterà uno smartphone in partnership con Htc (il cosiddetto Facebook Phone) gli ultimi rumors parlano anche di un sistema operativo per smarphone, un “Facebook Os” da installare sui cellulari avanzati – Zuckerberg intenderebbe lanciare un guanto di sfida a Google ed Apple – nonché di un servizio di messaggistica istantanea a misura di iPad . E ancora un restyling dell’app per smartphone con l’obiettivo di integrarla sempre di più con il Voip di Skype con cui Zuckerberg ha recentemente siglato una partnership che consente agli utenti di videochiamare gli “amici” su Facebook . Non escluso inoltre il lancio di una piattaforma per e-commerce.

Uno dei rumors più accreditati, con tanto di screen shot che stanno circolando in Rete in questi giorni, è un passo indietro rispetto alla timeline che sembra non aver raccolto il favore degli utenti. Si ritornerebbe a una molto simile a quella precedente che gli “amici” in Nuova Zelanda hanno già potuto provare.

Alcuni osservatori Usa si sono spinti infine a dire che Facebook potrebbe addirittura presentare un suo motore di ricerca che farebbe da apripista alla creazione di uno suo browser sulla falsariga di quanto già fatto da Google che prima ha lanciato il search engine e dopo il suo Chrome.