Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PRIMO PIANO

Intelligenza artificiale, il Mise avvia la consultazione pubblica

Il documento, anticipato da Corcom, potrà essere oggetto di osservazioni e valutazioni per eventuali approfondimenti. C’è tempo fino al 13 settembre. Ma bisognerà essere molto “sintetici”: max 300 caratteri

20 Ago 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

È stato pubblicato sul sito del Mise il documento che mette nero su bianco la Strategia italiana per l’intelligenza artificiale – anticipato in esclusiva a giugno da Corcom – elaborata dal gruppo di 30 esperti nominanti dal ministero dello Sviluppo economico a inizio 2019 con il compito di contribuire al Piano Coordinato promosso dalla Commissione europea. Il Mise ha contestualmente dato il via alla consultazione pubblica che di qui al 13 settembre consentirà di suggerire osservazioni per la messa a punto del draft finale.

La Strategia nazionale per l’intelligenza artificiale – si legge sul sito del Mise – è composta da un capitolo iniziale (Visione ed obiettivi) e da nove capitoli che espongono gli altrettanti obiettivi che la strategia si propone di raggiungere.

Durante il periodo di consultazione pubblica (19 agosto 2019 – 13 settembre 2019) potranno essere presentate brevi osservazioni: in particolare – puntualizza il ministero – sono ammesse osservazioni e suggerimenti, sia di carattere tecnico che formale, nonché ad indicare spunti per eventuali approfondimenti. Le osservazioni dovranno però essere molto stringate: max 300 caratteri. E sottoposte direttamente alla segreteria del sottosegretario Andrea Cioffi attraverso l’indirizzo e-mail: segreteria.cioffi@mise.gov.it. 

E in un post su Facebook il sottosegretario, nell’annunciare l’avvio della consultazione, evidenzia che”il  futuro ci mette davanti sfide che potrebbero sembrare insormontabili e l’Italia non può ritrovarsi impreparata. Ecco perché da quando sono Sottosegretario al Mise mi sono concentrato molto sull’innovazione e soprattutto sulle tecnologie come l’Intelligenza artificiale e la blockchain”.

Nella nota di sintesi, da una ventina di pagine, che accompagna il documento integrale sono indicati i 9 obbiettivi accompagnati da una breve descrizione delle misure proposte.

I 9 obiettivi della Strategia nazionale per l’Intelligenza artificiale

  1. Incrementare gli investimenti, pubblici e privati, nell’IA e nelle tecnologie correlate
  2. Potenziare l’ecosistema della ricerca e dell’innovazione nel campo dell’IA
  3. Sostenere l’adozione delle tecnologie digitali basate sull’IA
  4. Rafforzare l’offerta educativa a ogni livello per portare l’IA al servizio della forza lavoro
  5. Sfruttare il potenziale dell’economia dei dati, vero e proprio carburante per l’IA
  6. Consolidare il quadro normativo ed etico che regola lo sviluppo dell’IA
  7. Promuovere la consapevolezza e la fiducia nell’IA tra i cittadini
  8. Rilanciare la pubblica amministrazione e rendere più efficienti le politiche pubbliche
  9. Favorire la cooperazione europea ed internazionale per un’IA responsabile e inclusiva

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

A
andrea cioffi

Approfondimenti

I
intelligenza artificiale

Articolo 1 di 3