Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’Ict di Poste sbarca in Russia. Sarmi: “Sfida molto stimolante”

Entra nella fase operativa la partnership con Russian Post che prevede l’ammodernamento degli sportelli e dei servizi sul modello italiano di BancoPosta e PosteMobile

24 Giu 2011

Si è aperta ufficialmente la fase operativa dell'accordo di
collaborazione tra Poste Italiane e Russian Post, già siglato a
Sochi, con l'obiettivo di modernizzare la rete di uffici
postali della Federazione russa, ottimizzare la rete logistica e
introdurre in prospettiva servizi finanziari secondo il modello di
BancoPosta e di telefonia mobile.

A dare il virtuale calcio d'inizio alla partnership sono stati
a San Pietroburgo l'amministratore delegato di Poste Italiane,
Massimo Sarmi, e il direttore generale di Russian Post, Alexander
Kiselev, che hanno partecipato al convegno di settore "Postal
Troika" e hanno illustrato le attività che Poste Italiane
realizzerà per l'operatore postale russo dal prossimo mese di
settembre.

"Si è aperta una sfida molto stimolante per Poste Italiane –
ha commentato Sarmi – La scelta di Russian Post è caduta su di noi
perché ha riconosciuto la nostra leadership nel campo
logistico-postale e di comunicazione. E' una considerazione che
suscita grande soddisfazione per la possibilità di contribuire al
programma di ammodernamento della rete di uffici postali e
dell'infrastruttura logistica di uno degli operatori postali
più grandi del mondo – ha aggiunto Sarmi – con la prospettiva di
introdurre servizi finanziari e di pagamento, esportando in Russia
il modello di successo di BancoPosta, quindi servizi innovativi Ict
e di e-commerce, assicurativi e di comunicazione digitale".