Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA VISION

Mattarella: “Digitale sfida prioritaria, la Ue sia all’altezza”

Il presidente della Repubblica: “L’innovazione un fenomeno rivoluzionario che va governato collettivamente. Serve una responsabilità internazionale”

30 Nov 2018

F. Me

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Teatro Carignano di Torino per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 dell'Università di Studi di Torino. (foto di Francesco Ammendola, ufficio stampa Presidenza della Repubblica)

La società digitale è una trasformazione epocale che la Ue deve governare. E’ la riflessione che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha fatto oggi nel suo intervento  alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018-2019 dell’Università degli studi di Verona. “Ha provocato una rivoluzione nei mezzi di informazione, di conoscenza reciproca di comunicazione che pone le vite di ciascuno in uno spazio comune dovunque in realta’ si risieda – ha rimarcato il capo dello Stato – Questo non è un fenomeno di carattere emergenziale, ma è strutturale e quindi costituisce una delle grandi sfide che si presentano all’Unione europea e a tutto il mondo ed è esigenza che richiama alla responsabilità comune”.

L’Italia ha chiesto e chiede in questi anni con governi di diverso orientamento, connotazione e composizione politica che l’Unione europea assuma in maniera concreta nella sua dimensione continentale, insieme come Unione, il governo di questo problema – ha aggiunto – E’ un fenomeno che non va ignorato, ma governato per evitare il rischio di essere travolti nelle condizioni del mondo di oggi. Questo richiede una responsabilità collettiva di tutti gli Stati e dell’intera comunità internazionale“.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
digitale
S
Sergio Mattarella

Articolo 1 di 5