Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nasce il sito per l’export del made in Italy

Il Mse, con la collaborazione di Poste Italia e RetItalia, battezza il portale dedicato alle imprese tricolore che vogliono vendere all’estero i loro prodotti. Sarmi: “L’e-commerce strumento essenziale per le nostre esportazioni”

07 Lug 2011

Nuove opportunità per l'export italiano. Nasce oggi il
progetto del piu grande "shopping mall" virtuale per i
consumatori stranieri alla ricerca del Made in Italy, che darà
infatti la possibilità alle aziende, soprattutto quelle più
piccole, di vendere online i propri prodotti e raggiungere alla
pari di quelle europee anche mercati geograficamente più lontani.
Il portale  – www.madeinitaly.gov.it, online da settembre – ideato
dal ministero dello Sviluppo economico, realizzato da RetItalia
Internazionale (società di servizi Ict del Mise) e gestito dal
gruppo Poste Italiane è stato lanciato oggi con la sigla del
protocollo d'intesa tra l'amministratore delegato di Poste
Italiane, Massimo Sarmi, e il presidente di RetItalia
Internazionale, Federico Eichberg. La firma è avvenuta alla
presenza del sottosegretario con delega al Commercio Estero, Catia
Polidori. L'accordo si inserisce nel quadro delle iniziative
del Ministero delo Sviluppo economico a sostegno all'export
italiano.

"Il lancio di questo portale, il più grande negozio virtuale
del Made in Italy – ha precisato la Polidori – è il primo passo di
una strategia in tre mosse per riavviare l'export". Il 19
luglio infatti saranno lanciati i gruppi di lavoro in vista degli
Stati generali di fine ottobre, mentre il 25 partirà
l'operazione export in un click che consentirà alle imprese di
bussare ad una unica porta telematica per tutti gli adempimenti
burocratici necessari. "E' ora il momento di accrescere lo
sforzo per creare i binari giusti in grado di veicolare il made in
Italy secondo strategie e priorità di
mercato – ha sottolineato ancora il sottosegretario – Se sapremo
continuare in questa direzione, unendo le forze fra Istituzioni e
sistema produttivo, saremo in grado di garantirci una ricetta
sicura per la ripresa".

"L'e-Commerce è uno strumento essenziale per le aziende
che intendono affacciarsi sui mercati internazionali e sostenere
l'export dei loro prodotti – ha detto l'Ad, Massimo Sarmi,
a margine della firma dell'accordo – la partnership tra Poste
Italiane e RetItalia internazionale mette a disposizione delle
aziende la nostra piattaforma di commercio elettronico affidabile e
sicura e offre così alle imprese un importante supporto per fare
sistema e competere utilizzando la leva delle vendite via
Web".
Poste Italiane metterà a sistema i servizi di  creazione e
gestione degli negozi virtuali (eShop), i servizi di  marketing
digitale per garantire l'affluenza di potenziali clienti 
all'eShop, i servizi di Web Analytics per aiutare le imprese
ad  imparare dal comportamento dei propri clienti e visitatori, i
servizi  di pagamento elettronico ed i servizi di logistica e
spedizione.

Inoltre, realizzerà iniziative di comunicazione e di promozione
del  progetto nei 500 uffici PosteImpresa che in ogni parte
d'Italia forniscono servizi per le Pmi. Il sito internet sarà
inoltre promosso attraverso un'estesa campagna pubblicitaria
nei più rilevanti mercati esteri e italiani.

"RetItalia Internazionale, in attuazione delle linee di
indirizzo del ministero dello Sviluppo economico, intende dare il
proprio contributo affinché il tessuto produttivo italiano vinca
la sfida dell'export nei paesi emergenti – ha ricordato
Eichberg – L'e commerce  può essere un veicolo di accesso per
centinaia di milioni di consumatori desiderosi dell'italian way
of life e questo portale consentirà alle imprese italiane di
mettersi in contatto virtuale con i visitatori, di offrire loro un
campionario vasto, di trovare parter e franchisee locali. In
sostanza di essere presenti sui mercati internazionali".