Recovery Plan, al rush finale 1 miliardo in più per banda ultralarga e 5G - CorCom

#NEXTGENERATIONITALY

Recovery Plan, al rush finale 1 miliardo in più per banda ultralarga e 5G

Il Cdm cambia le carte in tavola. Salgono anche i fondi per le tecnologie satellitari e la space economy. A Telco per l’Italia focus sulle nuove reti e il piano del Governo Draghi

26 Apr 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

Più risorse per la banda ultralarga fissa e il 5G. E salgono anche i fondi per le tecnologie satellitari e la space economy. Il Recovery Plan è stato modificato al rush finale in Consiglio dei ministri e rispetto al testo portato al tavolo del governo quello licenziato prevede risorse aggiuntive per le nuove reti. (SCARICA QUI IL DOCUMENTO DEL GOVERNO)

Dai 5,31 miliardi della bozza si è passati infatti a 6,31, quindi 1 miliardo in più. E anche per le tecnologie satellitari si sale a 1,29 miliardi dai precedenti 970 milioni. I fondi per la Missione 1 “Digitalizzazione, Innovazione, Competitività e Cultura” sono in totale 24,30 miliardi e dunque sono i fondi per il Piano Transizione 4.0 a registrare una sforbiciata scendendo a 13,97 miliardi. Per il capitolo Investimenti ad alto contenuto tecnologico l’ammontare è di 750 milioni e per le Politiche industriali di filiera e internazionalizzazione sono stati stanziati 1.95 miliardi. 30 milioni di euro, infine, sono previsti per la Riforma del sistema della proprietà industriale.

Il Piano italiano prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro, finanziati attraverso il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza, lo strumento chiave del Ngeu. Ulteriori 30,6 miliardi sono parte di un Fondo complementare, finanziato attraverso lo scostamento pluriennale di bilancio approvato nel Consiglio dei ministri del 15 aprile. Il totale degli investimenti previsti è pertanto di 222,1 miliardi di euro.

Nel complesso, il 27% del Piano è dedicato alla digitalizzazione, il 40% agli investimenti per il contrasto al cambiamento climatico, e più del 10% alla coesione sociale.

Gli investimenti previsti nel piano assicurano la fornitura di banda ultra-larga e connessioni veloci in tutto il Paese. In particolare, portano la connettività a 1 Gbps in rete fissa a circa 8,5 milioni di famiglie e a 9.000 edifici scolastici che ancora ne sono privi, e assicurano connettività adeguata ai 12.000 punti di erogazione del Servizio Sanitario Nazionale.

Viene avviato anche un Piano Italia 5G per il potenziamento della connettività mobile in aree a fallimento di mercato. Il Piano prevede incentivi per l’adozione di tecnologie innovative e competenze digitali nel settore privato, e rafforza le infrastrutture digitali della pubblica amministrazione, ad esempio facilitando la migrazione al cloud.

Banda ultralarga, 5G, space economy e cloud al centro di Telco per l’Italia 2021

PER LA REGISTRAZIONE E L’AGENDA CLICCARE QUI

 

6 maggio 2021 – “Telco first”: la ricetta per la banda ultralarga

I fondi pubblici e gli investimenti privati, il nuovo piano aree grigie, la spinta al fixed-wireless: la strada non è affatto in discesa, ma la sfida si può vincere. Co-investimento e partnership le chiavi di volta?

PER LA REGISTRAZIONE E L’AGENDA CLICCARE QUI

13 maggio – Il 5G alla prova dei fatti, quanto vale partita italiana

La quinta generazione mobile una rivoluzione senza precedenti: dal manufacturing alla sanità, dai trasporti alla cultura, tutto è destinato a cambiare. Ma il cantiere Italia procede al ralenti: come accelerare?

PER LA REGISTRAZIONE E L’AGENDA CLICCARE QUI

20 maggio – Space, submarine e indoor connectivity: la banda larghissima chiave di volta

Operatori satellitari, cable e tower company: i colossi della connettività sempre più protagonisti nell’era della Gigabit society con infrastrutture future proof e soluzioni di nuovissima generazione per spingere le potenzialità di fibra e 5G. Lo scenario è destinato a trasformarsi radicalmente

PER LA REGISTRAZIONE E L’AGENDA CLICCARE QUI

27 maggio – Il paradigma “Telco-Cloud”: le alleanze rivoluzionano lo scenario

Sempre più forte la collaborazione fra i player: le telco avranno bisogno di trasformare le reti per erogare servizi all’avanguardia e sempre più “personalizzati”, gestire al meglio la sicurezza e monetizzare gli asset. E gli Ott da “nemici” si trasformano in partner.

PER LA REGISTRAZIONE E L’AGENDA CLICCARE QUI

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3