Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

“Sorpresa” Google: ingegneri donne pagate più degli uomini

E’ il risultato di uno studio interno all’azienda effettuato dopo la protesta delle dipendenti contro il gender pay gap. Ma l’analisi è limitata all’equità retributiva e non tiene conto di altri fattori chiave come il livello delle mansioni

05 Mar 2019

Antonio Dini

Colpo di sorpresa: ad essere pagati meno sono gli uomini, non le donne. Almeno, dentro Google. Una nuova analisi interna della casa di Mountain View, infatti, ha rilevato che alcuni ingegneri del software erano sotto compensati rispetto ai colleghi che facevano lavori simili. Google ha apportato aggiustamenti per 10.677 dipendenti per un totale di 9,7 milioni di dollari di bonus e aumenti, anche se non è chiaro quanti di quei soldi sono stati assegnati agli uomini. In passato Google è stata più volte accusata di discriminazioni di questo tipo contro le donne.

Proprio prendendo le mosse da queste accuse l’azienda aveva pensato di mettere in piedi un piano di analisi interna per capire come stessero realmente le cose. Nel tentativo di affrontare il problema dell’equità salariale tra donne e uomini in determinati gruppi, Google ha studiato, come fa ogni anno, i propri comportamenti interni. Ma i risultati hanno mostrato che l’azienda in realtà stava pagando meno gli uomini rispetto alle donne, in situazioni in cui entrambi i sessi erano chiamati a svolgere lavori simili di ingegneria del software.

Google per questo ha deciso di integrare il salario di 10.677 dipendenti con un extra complessivamente del valore di 9,7 milioni di dollari, con lo scopo di compensare i salari non pagati individuati nello studio interno. L’azienda non ha comunque chiarito quale percentuale di quei destinatari fossero uomini.
Già nel 2017, Google ha dichiarato di aver aumentato i compensi per 228 dipendenti che era sottopagati, spendendo un totale di circa 270mila dollari.

L’analisi del 2018 di Google ha rilevato che un gruppo di ingegneri del software di livello inferiore “riceve meno fondi rispetto alle donne”, ha dichiarato l’analista interno di Google per gli analitici sull’equità salariale, Lauren Barbato. Quasi metà del fondo di adeguamento è stato speso per discrepanze nelle offerte a nuove assunzioni, ha scritto Barbato, che è il risultato di una nuova analisi condotta da Google nello studio del 2018.
Google ha spiegato che esegue analisi statistiche per “cercare differenze inspiegabili nella compensazione totale (salario, bonus e equity) tra gruppi demografici”. Google ha analizzato ogni gruppo di lavoro con almeno 30 dipendenti in totale e almeno cinque per gruppo demografico. L’analisi ha incluso il 91% dei dipendenti di Google.
Le scoperte di Google arrivano dopo che l’azienda ha dovuto cimentarsi con questioni difficili relative all’equità di genere sul posto di lavoro. Migliaia di dipendenti di Google in tutto il mondo hanno lasciato gli uffici a novembre dopo che da un rapporto del New York Times è emerso il caso di un pacchetto di 90 milioni di dollari pagato all’ex responsabile di Android, Andy Rubin, dopo che l’azienda aveva trovato credibili le accuse di molestie sessuale sollevate a suo carico.
I dipendenti hanno sfruttato l’occasione per parlare delle proprie esperienze relative alle molestie sessuali sul posto di lavoro e hanno esercitato pressioni per ottenere di bloccare definitivamente l’arbitrato interno forzato in caso di molestie e discriminazioni, che impedisce ai dipendenti di portare tali richieste in tribunale. Google ha risposto ai dipendenti impegnandosi a rendere l’arbitrato opzionale in questi casi.

Lo studio di Google, tuttavia, è limitato a un tipo specifico di equità retributiva e non tiene conto di altri fattori come il livellamento, che è considerato indipendentemente dal fatto che i nuovi dipendenti siano pagati in modo appropriato all’inizio della carriera in azienda. Barbato ha affrontato altri fattori nel post del blog, scrivendo: «La nostra analisi delle retribuzioni azionarie garantisce che il risarcimento sia equo per i dipendenti impegnati nello stesso lavoro, allo stesso livello, posizione e prestazioni. Ma sappiamo che è solo una parte della storia. Poiché livellamento, valutazioni delle prestazioni e impatto delle promozioni contano molto, quest’anno stiamo conducendo una revisione completa di questi processi per garantire che i risultati siano equi ed equi per tutti i dipendenti».

Lo studio interno rischia di riaccendere la conversazione intorno al caso nato quando l’ex ingegnere James Damore è stato licenziato dopo aver condiviso un memo in cui sosteneva che le differenze di retribuzione tra generi non ci sono solo a causa del pregiudizio, ma anche delle differenze biologiche. Damore ha successivamente presentato una mozione legale contro l’azienda nel gennaio 2018 rivendicando discriminazioni nei confronti dei dipendenti per le opinioni politiche, “genere maschile” e “razza caucasica”.
Google sta già affrontando il tema della discriminazione di genere per via di una causa collettiva in California, in cui si sostiene che la società sottopaga le donne. E inoltre c’è anche una indagine condotta dal Dipartimento del lavoro americano relativamente alle pratiche di compensazione dell’azienda.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
donne
G
gender gap
G
google

Articolo 1 di 2