Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TRIPWIRE. Alitalia “cade” nella Rete

23 Mag 2011

Nel decreto legge 11 aprile 2011, n. 37 recante le “disposizioni
urgenti per (…) elezioni amministrative del 15 e 16 maggio (…)
consultazioni referendarie (…) nei giorni 12 e 13 giugno”, è
per la prima volta è previsto un rimborso del 40%, fino a un
massimo di 40 euro del biglietto A/R in aereo per gli elettori.

Un lettore segnala che fino al 4 maggio il call center Alitalia
rispondeva:”Attendiamo istruzioni”. Il 5 maggio, verosimilmente
per le insistenze del nostro lettore/elettore, il sito Alitalia
comunica: “La tariffa speciale è disponibile su tutti i voli
Alitalia nazionali effettuati dall’8 al 23 maggio e dal 5 al 20
giugno”. Sorvolo sul fatto che il comunicato Alitalia giunge dopo
un mese dal decreto e a 10 giorni dal primo appuntamento elettorale
amministrativo del 15 e 16 maggio.

Come mai tanto tempo per mettere a punto un meccanismo di sconto,
tutto sommato molto semplice? Ho un sospetto. Chiamo il call center
Alitalia. Andata/ritorno Roma-Milano, su un fine settimana fuori
dei periodi con lo sconto (partenza il 28 maggio e rientro il 29),
costa 98,74 euro su un prezzo base di 276,74, scontato del 64%.
Nelle giornate elettorali del 12-13 giugno la tariffa scontata sale
di 52 euro, cioè da 98,74 a 150,74. Il che fa somigliare lo sconto
del 40% se non a una presa in giro a qualcosa di simile e più
costosa del biglietto per i fine settimana non elettorali. Il
legislatore non solo ha finanziato una poco esemplare società di
servizi attraverso un meccanismo alquanto capzioso, a danno del
consumatore, ma ha dato prova di non capire che le info acquisibili
dalla rete rendono inutili i tentativi di occultare le elusioni
delle leggi dietro espedienti fastidiosi come i ritardi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link