Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’INIZIATIVA

Whatsapp, arriva l’alert contro le fake news

La nuova funzionalità consentirà agli utenti di visualizzare quante volte un contenuto è stato inoltrato, per scoraggiare la diffusione delle bufale. Al momento è in fase di sperimentazione in versione beta

25 Mar 2019

A. S.

Whatsapp dichiara guerra alle fake news, e ha deciso di introdurre una nuova funzionalità che indicherà agli unteti quando un messaggio ricevuto sia stato inoltrato più di 4 volte, indicando così quali sono quelli che diventano virali sulla piattaforma e potrebbero essere classificati come “spam”.

Ad anticipare la notizia è il sito WaBetrainfo, che riferisce di come la funzione sia ancora in fase di sperimentazione e circoli soltanto in versione Beta.

Si tratta in ogni caso soltanto dell’ultima iniziativa della piattaforma di instant messaging di proprietà di Facebook in questa direzione, dopo che nelle scorse settimane era arrivata la funzionalità che segnala quando un messaggio che si riceve non è stato scritto direttamente dal mittente, ma è stato inoltrato, indicando anche quante volte la condivisione sia stata reiterata. A questo si aggiunge la predisposizione di un limite al numero di utenti a cui è possibile inviare contemporaneamente lo stesso contenuto, per mettere un freno a chi utilizzasse questo strumento per diffondere fake news.

Guardando al futuro, inoltre, Whatsapp potrebbe presto rendere disponibile un motore di ricerca interno e la funzionalità che permetterà di effettuare ricerche per immagini, dando così agli utenti la possibilità di risalire ai siti in cui le foto sono state pubblicate per la prima volta per giudicare se siano fonti attendibili.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

W
whatsapp

Approfondimenti

F
fake news
S
spam

Articolo 1 di 3