L'OPERAZIONE

Nexi, Mercury cede l’8,8% del capitale. Fusione con Sia più vicina?

L’azionista di maggioranza riduce la propria quota azionaria per un controvalore di 781 milioni di euro. La mossa, secondo analisti ed esperti, potrebbe favorire l’atteso merger che darebbe vita al campione italiano del fintech

27 Mag 2020

Domenico Aliperto

Dopo il il collocamento da parte di Mercury Uk Holdco di un pacchetto di 55 milioni di azioni di Nexi, pari all’8,8% del capitale, la società italiana specializzata nei servizi di pagamento ha fatto fatica a entrare agli scambi in Borsa, aprendo poi a -6,04%. Così il mercato ha risposto in prima battuta all’operazione di disimpegno da parte di Mercury, azionista di controllo di Nexi e veicolo dei fondi di private equity Bain Capital, Advent e Clessidra, realizzata a un prezzo di 14,20 euro per azione (per un controvalore complessivo di 781 milioni).

I termini dell’operazione

Il prezzo della vendita – effettuata con un accelerated book building organizzato da Barclays, Goldman Sach e Hsbc oltre a Banca Imi e Unicredit e Rotschild in qualità di advisor finanziario di Mercury – implica uno sconto del 7,2% rispetto alla chiusura di ieri, quando il titolo aveva sofferto in Borsa (-2,4%) chiudendo le contrattazioni a 15,30 euro. In seguito al collocamento, la quota di Mercury si riduce al 43,4% circa del capitale di Nexi e in base agli accordi con le banche collocatrici – Barclays, Goldman Sachs e Hsbc – sono previsti 90 giorni di lock-up durante i quali Mercury non potrà cedere la quota rimanente.

La possibile fusione di Nexi con Sia

L’operazione potrebbe confermare i rumors che si sono rincorsi nelle scorse settimane su un possibile merger tra Nexi e Sia per dare vita a un unico grande soggetto italiano punto di riferimento per il fintech e i pagamenti innovativi. Secondo il Sole24Ore, infatti, sia gli azionisti di Nexi sia Cassa Depositi e Prestiti stanno confrontandosi in questo senso attraverso gli advisor Jp Morgan, Mediobanca e Bofa Merrill Lynch, e l’allentamento della presenza di Mercury dovrebbe favorire l’operazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2