Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

BANKING

Prestiti “digitali” a misura di Pmi, Illimity sbarca a Piazza Affari

Guidata da Corrado Passera, la banca è completamente digitale e fornisce sostegno finanziario alle imprese con alto potenziale ma con rating basso. “Aiutiamo a crescere le eccellenze italiane”

05 Mar 2019

F. Me

Esordio positivo a Piazza Affari per Illimity, la nuova banca guidata da Corrado Passera. I titoli hanno avviato le negoziazioni in rialzo del 4,2%  a 7,6 euroLa banca, completamente digitale e specializzata nel credito alle Pmi, è sbarcata oggi sul mercato principale di Borsa Italiana. “Stiamo facendo una cosa molto bella – ha rivendicato Passera dopo aver suonato la campanella che ha dato il via agli scambi – Siamo orgogliosi di essere quotati alla borsa di Milano e faremo la nostra parte perché la Borsa di Milano sia quella che può essere e ancora di più”.

Siamo una startup con due grandi ambizioni – ha sottolineato l’ex ministro ed ex Ceo di Intesa Sanpaolo – trovare e valorizzare il tanto valore nascosto nelle Pmi italiane, sia nelle aziende che già vanno bene ma che potrebbero fare di più sia in quelle che non vanno bene e che potrebbero essere rimesse in carreggiata. La seconda ambizione è quella di fare un passo oltre nel sistema dei servizi finanziari, di andare oltre i limiti in un settore che, con la tecnologia, sta cambiando completamente”.

“Siamo la dimostrazione – ha concluso Passera – che in Italia si può fare anche da zero iniziative importanti, smettiamola di dire che in Italia non si può fare o di dire ai giovani di andare altrove: in meno di 12 mesi quella che era un’idea, una intuizione è diventata una medio-grande realtà quotata al mercato principale di Borsa Italiana”.

Illimity è nata dalla fusione tra Spaxs, la Spac fondata da Passera, e Banca Interprovinciale. Fornisce credito a imprese ad alto potenziale, ma ancora con rating basso o senza rating, e acquista Corporate Npl (crediti non esigibili) assistiti da garanzia e senza garanzia, con l’obiettivo di gestirli attraverso la propria piattaforma.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
corrado passera

Articolo 1 di 2