L’APPROFONDIMENTO

Reti di Tlc ecosostenibili: il ruolo delle tower company sarà determinante



Indirizzo copiato

Ci sono circa 5,2 milioni di torri di telefonia mobile a livello mondiale, quindi c’è ampio margine per ridurre l’impatto ambientale. Analysys Mason individua quattro azioni chiave per la sfida Esg, ecco quali sono

Pubblicato il 14 mag 2024



Screenshot 2024-05-13 alle 11.29.27

Ci sono circa 5,2 milioni di torri mobili in tutto il mondo, quindi c’è ampio margine per ridurre i loro potenziali impatti negativi. Le nuove tecnologie e strategie possono ridurre il consumo di energia, minimizzare i disagi per le comunità locali e la fauna selvatica e ridurre il rischio di vandalismo e deterioramento fisico.

In un’analisi dedicata, Analysys Mason raccomanda che ogni towerco crei un quadro Esg coerente per gestire questi impatti, prendendo in considerazione l’implementazione di alcune delle pratiche Esg più ambiziose, trasformative e innovative che stanno diventando sempre più caratteristiche standard delle reti moderne.

I quattro passi chiave

Ecco quattro iniziative considerate tra le più efficaci per gli operatori che cercano di adeguare la propria infrastruttura digitale al futuro:

Generare energia verde

La generazione di energia solare o eolica (soprattutto se combinata con l’accumulo di batterie) riduce la dipendenza di un sito mobile dalla rete elettrica e riduce le sue emissioni di carbonio. Nei mercati in via di sviluppo e nelle aree remote, questa energia rinnovabile sta generalmente soppiantando la generazione diesel, che è altamente inquinante, costosa e richiede sostanziali requisiti di sicurezza e manutenzione. Vantage Towers è leader nell’utilizzo dell’energia eolica rinnovabile per alimentare le sue torri e ha adottato misure per generare energia eolica per 52 dei suoi siti in Germania.

Torri condivise e reti di accesso radio

Meno del 35% delle torri in Europa sono di proprietà esclusiva dell’operatore di rete e la maggior parte dei siti ospita più parti. La condivisione delle risorse è uno dei modi più efficaci per migliorare la sostenibilità delle infrastrutture. I siti condivisi consentono a più operatori e carrier di telecomunicazioni di offrire servizi da un unico insieme di infrastrutture fisiche, eliminando la necessità per ciascun operatore di costruire le proprie torri. L’effetto moltiplicatore di meno materie prime, meno terreno, minore impatto visivo, minori costi di implementazione e uso efficiente delle attrezzature condivise si traduce in un guadagno finanziario molto significativo oltre alla migliore sostenibilità.

Oltre alla torre fisica, è possibile che anche gli apparati elettronici attivi della rete di accesso radio (antenne, unità radio, backhaul, batterie) siano condivisi da più operatori, con conseguenti guadagni di sostenibilità in termini di componenti e utilizzo di energia. La riduzione dei costi di capitale e di esercizio libera fondi per una più rapida espansione della rete, oltre a renderla più redditizia per servire aree economicamente marginali. Reti in una serie di paesi europei tra cui Regno Unito, Italia, Polonia e Svezia hanno implementato tali forme di condivisione.

Utilizzare materiali a basso contenuto di carbonio e riciclare

Il cemento e l’acciaio utilizzati in una torre mobile convenzionale sono due dei materiali da costruzione a più alta intensità di carbonio. A seconda della posizione, la realizzazione del sito può attingere a una serie di materiali alternativi – alcuni nuovi (ad esempio prodotti a base di grafene), alcuni vecchi (ad esempio bambù) e alcuni una miscela dei due (ad esempio legno lamellare) – che possono ridurre sostanzialmente il costo del carbonio. La sostituzione e la riparazione dei siti dovrebbero dare priorità ai materiali con un’impronta di carbonio minore (che può includere l’acciaio a basso tenore di carbonio), e anche cercare di riciclare o ritrattare i materiali scartati ad alta intensità energetica per recuperare parte dell’energia investita nella loro produzione originale e per ridurre al minimo i costi e i requisiti di terreno della discarica.

Distribuire l’IoT sulle infrastrutture mobili

Sensori remoti e connessi o videocamere installate sulle torri potrebbero ridurre i costi e le emissioni associati alle visite sul campo di persona. I proprietari delle torri possono ricevere aggiornamenti in tempo reale per rilevare problemi di corrosione o manutenzione da remoto, il che significa che la presenza fisica è necessaria solo per interventi di riparazione occasionali piuttosto che per il monitoraggio di routine e consente inoltre di risolvere problemi minori prima che diventino più significativi. Vi è un ulteriore vantaggio derivante dal miglioramento delle disposizioni di sicurezza. L’infrastruttura connessa può anche sfruttare l’analisi dei big data e le previsioni basate sull’intelligenza artificiale per ottimizzare le attività di manutenzione preventiva.

Creare un quadro Esg coerente

In questo quadro, Analysys Mason raccomanda alle towercos di creare un quadro Esg coerente che incorpori:

Iniziative progettate e sviluppate collettivamente

Garantire che ciascuna iniziativa sia selezionata e affrontata in modo da offrire sinergie all’interno del più ampio impegno Esg della towerco.

Allineamento del mercato e delle parti interessate

Dare priorità alle iniziative adatte allo scopo che considerano le caratteristiche uniche del mercato, idealmente supportate da ampie consultazioni delle parti interessate in modo che le società di torre possano comprendere meglio le molteplici pressioni del settore.

Comunicazione Esg efficace

Integrare un quadro completo di reporting Esg e una strategia di comunicazione per rassicurare le principali parti interessate, in particolare gli investitori.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5