INDUSTRIA 5.0

Automazione industriale, come ottimizzare i costi e migliorare la risposta on time



Indirizzo copiato

Finanziato dal Mimit il progetto Improve di Mare Group, portato avanti in collaborazione con le aziende Gelesis, 3Dna e Clio e l’Università di Salerno. Si punta alla realizzazione di una piattaforma software di Decision Support System, basata sull’intelligenza artificiale e il machine learning, per predire le performance nel corso del processo produttivo generando benefici in termini di efficienza e sostenibilità

Pubblicato il 10 lug 2024



Manufacturing

L’ultima parola è arrivata dal decreto del Mimit: il progetto di ricerca Improve (DecIsion support systeM for Production management based on pRedictiOn of high impact VariablEs), sviluppato da Mare Group, società attiva nel settore dell’ingegneria digitale, in collaborazione con tre partner industriali (Gelesis, 3Dna e Clio) e l’Università degli Studi di Salerno, può prendere il via.

Il progetto Improve, della durata di tre anni, prevede la realizzazione di un sistema basato su intelligenza artificiale utile a predire le performance di alcune variabili di funzionamento nel corso di un processo produttivo al fine di ottimizzare i costi e migliorare la capacità di risposta on time rispetto alle richieste specifiche del mercato.

Verso una piattaforma software Dss basata sul ML

L’output finale del progetto sarà una piattaforma software di Decision Support System (Dss), basata su sistemi di machine learning per la predizione e analisi dei dati, applicabile in diversi ambiti industriali, con effetti in termini di sostenibilità ed efficienza dei processi stessi, portando benefici diretti per i partner e, in particolare, per Mare Group, nuove funzionalità ad arricchire l’offerta digitale basata su Intelligenza Artificiale ed Hyperautomation, oggi rappresentata dalla piattaforma Delfi.AI.

Un progetto da quasi 6 milioni di euro

Il costo complessivo ammissibile del progetto è pari a 5,8 milioni di euro, di cui 2,1 milioni relativi a Mare Group, con un cofinanziamento pubblico di circa 1,25 milioni, suddivisi in 0,85 milioni a fondo perduto ed 0,4 milioni in forma di finanziamento agevolato.

Coniugare digitalizzazione e sostenibilità

“L’approvazione del progetto di Ricerca e Sviluppo Improve è motivo di grande orgoglio per Mare Group – afferma Marco Bellucci, Presidente di Mare Group e Responsabile delle attività di Ricerca e Sviluppo del Gruppo -. Il progetto si inquadra perfettamente nella strategia di crescita delineata dal gruppo, che prevede investimenti in Ricerca & Sviluppo a supporto di un piano di espansione industriale che guarda all’allargamento dei mercati ed allo sviluppo di tecnologie e prodotti trasversali e scalabili. Inoltre, il progetto Improve consente di coniugare digitalizzazione e sostenibilità, paradigma chiave per l’evoluzione futura del Gruppo”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5