Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FORMAZIONE

Competenze digitali, l’Università di Pisa: “Subito lavoro per i nostri laureati”

Nuovo corso di laurea magistrale in Informatica e networking: “Prepariamo i professionisti del futuro”

01 Ago 2019

L. O.

Competenze di alto livello nel settore delle comunicazioni, dal wireless fino al 5G. E’ l’obiettivo del nuovo corso di laurea magistrale in informatica e networking dell’Università di Pisa (attivo dal 2009) che ha avviato una ristrutturazione dell’offerta formativa per fornire ai propri laureati magistrali tutte le conoscenze necessarie a rispondere alla crescente domanda di nuovi professionisti.

“La percentuale dei nostri laureati che trova lavoro a meno di due mesi dalla laurea è vicina all’80% – spiega Marco Danelutto, che a settembre lascerà la carica di presidente del corso di studi al collega Stefano Giordano – mentre il restante 20% normalmente non lavora perché fa il dottorato di ricerca in Italia e in Europa”.

Il corso di laurea magistrale è ad accesso libero e interamente erogato in inglese: può iscriversi chiunque è in possesso di una laurea di primo livello in informatica o ingegneria delle telecomunicazioni.

“I nostri laureati – prosegue Danelutto – occupano normalmente posizioni di rilievo in linea con le competenze acquisite durante gli studi: questa nuova ristrutturazione del corso migliorerà quindi una situazione già molto positiva”.

Il nuovo ordinamento, conclude l’Ateneo, “è stato progettato partendo dalla considerazione che le reti di telecomunicazioni stanno evolvendo da semplici mezzi per trasferire dati di vario genere da un posto all’altro a veri e propri strumenti intelligenti in cui l’informatica gioca un ruolo determinante sia nella gestione degli apparati di trasmissione che per la sicurezza, l’affidabilità delle comunicazioni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5