LA NOMINA

Octo, Corrado Sciolla è il nuovo ceo



Indirizzo copiato

Ex direttore generale di Wind, presidente di BT Group Europe e numero uno di Cedacri, il manager guiderà l’azienda in Italia e all’estero con l’obiettivo di consolidare la leadership nel settore della mobilità connessa

Pubblicato il 23 apr 2024

Enzo Lima

giornalista



corrado sciolla

Dalle Tlc alla mobilità innovativa. Dal 18 aprile, Corrado Sciolla è il nuovo chief executive officer e membro del consiglio di amministrazione di Octo, azienda attiva nel settore dei servizi telematici e di data analytics per il settore assicurativo, il fleet management e la mobilità intelligente. 

Obiettivo: consolidare la leadership di Octo

Corrado Sciolla, ingegnere, in precedenza direttore generale di Wind, presidente di BT group europe e ceo di Cedacri, guiderà l’azienda in Italia e all’estero, “con l’obiettivo – si legge in una nota- di consolidare la leadership nel settore della mobilità connessa. La vasta esperienza alla guida di organizzazioni di rilievo internazionale, focalizzate sullo sviluppo tecnologico e sulla gestione dei dati, unitamente alle competenze acquisite in oltre 20 anni di sviluppo servizi nei mercati verticali, saranno fattori chiave per il successo dell’azienda”.  

“Corrado è un manager solido, che ha già dimostrato di saper gestire al meglio aziende Tecnologiche e di Servizi Digitali. Contiamo sulle sue capacità per far crescere la nostra Società e raggiungere tutti i nostri obiettivi”, afferma Fabio Sbianchi, fondatore e presidente di Octo.

Chi è Corrado Sciolla

Piemontese, laureato in ingegneria elettronica al Politecnico di Torino, Sciollapuò contare su un Mba presso l’Insead di Fointanebleau. Nel 1996 entra in McKinsey come Engagement Manager per i settori retail e telecomunicazioni, guidando il team dedicato alla nascita di Wind, di cui dal 2001 – dopo due anni in News Corporation da Business Development – sarà direttore generale operativo realizzando l’integrazione di Wind e Infostrada. Dal 2004 è Amministratore delegato di Albacom, contribuiendo al turn around dell’azienda che diventa BT Italia. Nel dicembre 2010 viene nominato Amministratore delegato di BT France, ruolo che ricoprirà insieme a quello di Ad di BT Italia. Nel 2013 viene nominato Presidente di BT Global Service con la responsabilità di Sud Europe e Sud America, e nel 2014 assume la carica di Presidente di BT per l’Europa continentale. Nel 2017 esce da BT e nell’aprile 2018 diventa Consigliere di Carel Industries dove è anche Lead independent director. Oggi, oltre al ruolo di consigliere in Iol e Carel, agisce da consulente a fondi di Private Equity nel campo della tecnologia e delle telecomunicazioni.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5