Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

I DATI

Fake news in calo del 5% in Italia. Nonostante le elezioni europee

Secondo l’Osservatorio Agcom, a maggio è diminuita in Italia la disinformazione in rete: solo il 3% dei contenuti era dedicato alla competizione politica

03 Lug 2019

D. A.

Diminuisce a maggio la disinformazione online prodotta in Italia (-5% rispetto ad aprile). A dirlo è il quarto numero dell’Osservatorio sulla disinformazione online pubblicato oggi dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Nei 25 giorni precedenti le elezioni europee, si continua a riscontrare una marcata concentrazione della disinformazione sugli argomenti di cronaca (che rappresentano il 36% del totale), mentre l’incidenza della politica subisce una riduzione rispetto al periodo antecedente le elezioni del 2018. In particolare, nell’intero mese di maggio, i siti di disinformazione hanno dedicato alle elezioni europee il 3% dei propri articoli, laddove per le fonti social di disinformazione il tema ha riguardato l’1% dei contenuti pubblicati.

L’analisi del contenuto testuale di tutti gli articoli di disinformazione evidenzia l’emergere di cinque tematiche principali, riconducibili alle questioni politiche e all’attività di governo, ai fatti di cronaca nera, allo spettacolo, all’immigrazione e alle previsioni meteorologiche.

Si registra un generale incremento dello spazio dedicato dalle fonti di disinformazione alle tematiche di rilevanza europea individuate da Eurobarometro. Nello specifico, nel mese delle elezioni europee, aumenta soprattutto l’incidenza dei contenuti fake relativi a criminalità (che, con un peso del 13% sul totale, si conferma il tema più trattato), disoccupazione (9% del totale) e immigrazione (8%).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3