Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

STRATEGIE

Rai, vale 90mila euro la web reputation di Gubitosi

Indetta una gara per l’affidamento del servizio di valutazione e gestione della “reputazione” su Internet del nuovo management. Richiesti report quindicinali e attività di “web washing”

15 Nov 2012

Antonello Salerno

“Buona reputazione vale più di gran ricchezza”, dice il saggio in un antico proverbio. E proprio a questo devono aver pensato i massimi dirigenti della Rai quando hanno deciso di indire una gara per affidare il servizio di valutazione della web reputation dell’azienda e dei suoi vertici. Il termine per la presentazione delle offerte è fissato alle 12 del 20 novembre. Il servizio – intanto per un anno – sarà aggiudicato con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, ed è stato ideato per monitorare costantemente cosa si dice “nella rete” del presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, e del direttore generale, Luigi Gubitosi.

A chi avrà la voglia e la forza di cimentarsi in questa sfida, difficile ma senza dubbio prestigiosa, l’azienda chiede una serie di requisiti da presentare già in sede di progetto: dall’individuazione delle fonti campione al metodo di monitoraggio quotidiano e di analisi quantitativa e qualitativa dei dati raccolti, ma anche di pensare all’ottimizzazione dei contenuti in modalità multicanale (dai siti personali ai profili professionali), con l’analisi ovviamente estesa a blog, social network, newsgroup telematici, forum, siti di informazione indipendente, pagine private, siti web 2.0 di open publishing multimediale, youtube, GoogleVideo e Flickr.

L’azienda si aspetta da chi si aggiudicherà la gara che vengano evidenziati i contenuti critici, anche facendo ricorso a strumenti che automatizzino l’attribuzione di un “sentiment” ai commenti in rete, che i “siti ospite” siano catalogati con un indice di rilevanza e che ci sia la possibilità di ottenere alert automatici via mail sulle questioni più critiche. Tutto questo per arrivare a report quindicinali o mensili che evidenzino con chiarezza le tendenze statistiche, analizzando il posizionamento on line del presidente e del direttore generale, almeno nella fase iniziale, e segnalando i rischi più significativi.

Una volta evidenziati tutti i contenuti o gli ambiti “critici” arriverà il momento del “web washing”, per togliere le macchie dalla reputazione in rete. Non un intervento per forza di cose aggressivo, ma adeguato alle esigenze: dalla presa di posizione ufficiale dell’azienda a rettificare informazioni non corrette alle “integrazioni”, per fornire informazioni più complete e che quindi si prestino meno a essere fraintese, fino agli strumenti “proattivi” che attivano, orientano e stimolano la conversazione senza inutili entrate a gamba tesa. Una strategia che chiama in causa ogni livello della comunicazione aziendale online, come la keyword advertising, la presenza e moderazione sui social media, lo sviluppo della link popularity, e strumenti più tradizionali come i comunicati stampa e le tecniche di Pr online.

Il tetto massimo dell’offerta stabilita dall’azienda per la gara è di 90mila euro onnicomprensivi, Iva esclusa.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link