La Buona Scuola è digitale: la Camera dà l'ok alla riforma - CorCom

LA RIFORMA

La Buona Scuola è digitale: la Camera dà l’ok alla riforma

Approvato con 277 voti favorevoli e 173 contrari il disegno di legge. Banda larga e trasparenza online tra i punti chiave. Sul piatto 90 milioni per l’innovazione didattica. Coding e pensiero computazionale nei programmi delle scuole elementari

09 Lug 2015

Federica Meta

Un Piano nazionale per la scuola digitale, con risorse per la didattica e la formazione dei docenti, da struttuirare con un finanziamento ad hoc. E’ questo il punto cardine “digitale” della riforma della scuola approvata in via definitiva alla Camera con 277 voti favorevoli e 173 voti contrari.

“#labuonascuola è legge – scrive su Twitter il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini – Non è atto finale ma atto iniziale di un nuovo protagonismo della #scuola”.

Il ddl prevede un bando (300 i milioni a disposizione) per la costruzione di scuole altamente innovative dal punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico. Scuole ‘green’ e caratterizzate da nuovi ambienti di apprendimento digitali. L’Osservatorio per l’edilizia scolastica, istituito presso il Miur, coordinerà strategie e risorse per gli interventi e promuoverà la cultura della sicurezza. È previsto un investimento di ulteriori 200 milioni per i mutui agevolati per la costruzione e la ristrutturazione delle scuole. Vengono recuperate risorse precedentemente non spese da investire sulla sicurezza degli edifici. Stanziati inoltre 40 milioni per finanziare indagini diagnostiche sui controsoffitti degli istituti. Viene istituita la Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole.

Altri 90 milioni vengono stanziati subito per l’innovazione didattica e la creazione di laboratori territoriali, aperti anche di pomeriggio, per orientare i giovani al lavoro e da utilizzare come strumento di contrasto alla dispersione. Sul digitale e l’innovazione l’investimento diventa permanente: dopo i primi 90 milioni, ce ne saranno altri 30 all’anno a partire dal 2016.

Arriva anche la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti, un voucher di 500 euro all’anno da utilizzare per l’aggiornamento professionale attraverso l’acquisto di libri, testi, strumenti digitali, iscrizione a corsi, ingressi a mostre ed eventi culturali.

Il ddl prevede anche la creazione di un Portale unico dei dati della scuola con la pubblicazione di tutte le informazioni relative al sistema di istruzione: bilanci degli istituti, Anagrafe dell’edilizia, Piani dell’offerta formativa, dati dell’Osservatorio tecnologico, curriculum vitae degli insegnanti, incarichi di docenza. Uno strumento di trasparenza nei confronti dei cittadini e di responsabilizzazione degli istituti.

Riflettori anche sulle competenze digitali: coding e pensiero computazionale vengono isneriti nel percorso didattico della scuola nella primaria mentre un piano “Digital Makers” verrà inserito nalla secondaria.