Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DEMATERIALIZZAZIONE

PA Digitale, lo standard europeo Peppol sbarca in Italia

Si parte dall’Emilia Rogmaga, dove gli ordini e i documenti di trasporto degli enti sanitari saranno trasmessi esclusivamente nel formato elettronico che consente l’interoperabilità tra i paesi dell’Unione. Ma entro il 31 gennaio 2017 tutta la PA dovrà adeguarsi

26 Apr 2016

A.S.

Lo standard europeo Peppol per la gestione di ordini e documenti di trasporto sbarca anche in Italia: la prima regione ad essere interessata da questa novità è l’Emilia Romagna, dove tutti gli enti sanitari sono chiamati a utilizzare eslusivamente il formato elettronico con lo standard “Pan-European Public Procurement On Line”. Grazie alla rete Peppol, iniziativa sviluppata nell’ambito del Programma Europeo per l’Innovazione e la Competitività, gli operatori economici europei hanno la possibilità di gestire in maniera completamente dematerializzata, standardizzata e sicura, lo scambio dei documenti relativi al ciclo passivo. Tutto questo grazie a uno standard che consente l’interoperabilità tra i sistemi dei diversi Paesi.

La Regione Emilia Romagna sta spingendo in questa direzione ed entro il 30 giugno 2016 tutti gli enti del sistema sanitario regionale dovranno obbligatoriamente adeguarsi alla nuova normativa. A tale obbligo sono dunque soggetti, in primis, la Regione stessa, con tutti gli enti e gli organismi regionali, le loro associazioni e consorzi, gli enti e le aziende del servizio sanitario regionale, gli organismi di diritto pubblico e le società strumentali partecipate in misura totalitaria o maggioritaria. L’altra data-chiave è quella del 31 gennaio 2017, quando anche tutti gli altri enti della Pubblica Amministrazione italiana saranno obbligati ad adottare questa modalità di interscambio per ordini, bolle e fatture.

NoTier, gestito da Intercent-ER (Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici), rappresenta l’infrastruttura tecnica e organizzativa messa a disposizione delle PA dell’Emilia Romagna per gestire la dematerializzazione di tutti i documenti del ciclo degli acquisti.

“Questa evoluzione – si legge in una nota di Csa med – inciderà naturalmente anche sui fornitori degli enti sanitari, chiamati ad adeguarsi allo scambio elettronico dei documenti. CSAmed, società di servizi guidata da Gianmaria Casella, attiva nell’ambito dell’e-procurement presso la sede distaccata del Politecnico di Milano a Cremona, è pronta a rispondere a questa esigenza proponendosi come intermediario tra i fornitori e la Pubblica Amministrazione. Csa med ha intrapreso e concluso il percorso di certificazione europeo Peppol, per cui risulta Access Point Provider, forte di collaborazioni già attivate e consolidate con associazioni di categoria. Tutte le aziende che si interfacciano come fornitori con gli enti sanitari dell’Emilia Romagna potranno quindi ricorrere ai servizi di CSAmed per la ‘conversione’ degli ordini in entrata e delle bolle in uscita nel formato Peppol richiesto”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
emilia romagna
P
peppol

Articolo 1 di 2