Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA PARTNERSHIP

PA social battezza l’osservatorio per la comunicazione digitale

Realizzato in collaborazione con l’istituto Piepoli, avrà l’obiettivo di monitorare il rapporto tra cittadini, PA e imprese attraverso social network, chat e altri strumenti innovativi

16 Nov 2018

A. S.

“Il digitale ha l’obiettivo di semplificare e migliorare la nostra vita quotidiana, e la comunicazione ha un ruolo fondamentale perché sia a portata di cittadino. Il salto di qualità che vogliamo incentivare è sulle competenze, la qualità di servizi e informazioni, una cultura digitale sempre più diffusa. Per questo abbiamo bisogno di conoscere il pensiero dei cittadini per poter continuare ad innovare e migliorare con utilità ed efficacia”. Con queste parole Francesco Di Costanzo, presidente dell’associazione PA Social, descrive la nascita dell’osservatorio sulla comunicazione digitale, nato dalla collaborazione tra Pa Social e l’Istituto Piepoli con l’obiettivo di capire come enti e aziende lavorano

sulla comunicazione digitale, qual è lo scenario italiano, quali sono le principal necessità die cittadini e più in generale qual è lo stato della nuova comunicazione in Italia. L’osservatorio, si legge in una nota, è il naturale sviluppo di un lavoro di analisi, ricerca e approfondimento che PA Social e Istituto Piepoli stanno portando avanti ormai da tempo e che oggi mira ad essere un punto di riferimento per coloro che si occupano di comunicazione digitale e per coloro, i cittadini, che ricevono informazioni e servizi.

“Questo monitor costante sul rapporto tra opinione pubblica e comunicazione digitale – sottolinea Livio Gigliuto, direttore Istituto Piepoli e del neonato osservatorio – proverà a raccontare la mutazione delle nostre vite che, tra opportunità da cogliere e minacce da evitare, sono ogni giorno, inevitabilmente, più digitali”.

Proprio in questi giorni l’associazione Pa social ha anche dato vita in collaborazione con iPress a una nuova piattaforma, da oggi disponibile in beta sul sito dell’associazione, in cui enti, istituzioni, cittadini e aziende potranno conoscere i comunicatori della pubblica amministrazione. L’obiettivo del progetto, nato dall’incontro tra Francesco Di Costanzo e Marisandra Lizzi, fondatrice di iPressLive, è di migliorare la comunicazione verso i cittadini in un’ottica sempre più citizen-centric.   Si tratta di un “Chi è Chi” per la community della “nuova comunicazione” pubblica, in cui ogni comunicatore e manager pubblico avrà la possibilità di personalizzare la propria pagina permettendo così a enti, istituzioni, aziende e comunicatori di trovare il proprio referente dentro la Pubblica Amministrazione. Grazie alla piattaforma ogni profilo sarà aggiornato sul sito in crowdsourcing da parte di tutti gli iscritti e man mano da coloro che vi aderiranno in futuro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
comunicazione digitale
I
iPressLive
P
pa social

Articolo 1 di 5