L’APPROFONDIMENTO

5G, le small cells determinanti per aumentare la densificazione



Indirizzo copiato

Secondo Analysys Mason la congestione dello spettro a banda media e la scarsa penetrazione negli ambienti indoor riaccendono l’interesse delle telco per l’implementazione di piccole celle per migliorare la quality of experience degli utenti e generare nuove fonti di revenue

Pubblicato il 17 giu 2024



Screenshot 2024-06-12 alle 13.32.06

Gli operatori di rete mobile (Mno) stanno mostrando un rinnovato interesse per le small cells come soluzione per migliorare la copertura e sfruttare nuove opportunità di business.

Lo afferma Analysys Mason, secondo cui la crescente congestione dello spettro in banda media negli hotspot di utilizzo e la limitata penetrazione del segnale indoor stanno spingendo gli operatori a considerare sempre più seriamente l’implementazione delle small cells per migliorare la qualità dell’esperienza (QoE) degli utenti e aprire nuove opportunità di entrate.

Freni all’adozione delle small cells, ma c’è una soluzione

Tradizionalmente, però, l’adozione delle small cells è stata frenata dai costi elevati e dai rischi associati all’installazione fisica. Gli operatori di rete mobile (Mno) possono quindi ottimizzare il modello di business per la densificazione del 5G utilizzando un’architettura Ran virtualizzata o aperta e condividendo l’infrastruttura con host neutrali: questo approccio non solo riduce i costi, ma permette anche di superare le sfide legate alla cementificazione.

Un mezzo per fornire capacità o copertura aggiuntiva

Le small cells sono nodi di accesso radio compatti che possono essere utilizzati per fornire capacità o copertura aggiuntiva in aree ad alto traffico o con scarsa ricezione. Per nodo, hanno costi e requisiti di alimentazione significativamente inferiori rispetto alle macro stazioni base e vengono solitamente utilizzati per fornire connettività privata o pubblica in luoghi in cui i macro siti faticano a fornire la copertura o la capacità richiesta.

Dopo il lancio del 5G nel 2019, il mercato delle piccole celle ha subito un rallentamento. Agli Mno è stata assegnata una grande quantità di nuovo spettro nel 5G e l’implementazione di nuove apparecchiature di banda media nei macro siti è diventata la priorità per aumentare la capacità della rete nelle aree in cui i volumi di traffico erano elevati. Tuttavia, poiché lo spettro della banda media ha raggiunto livelli di penetrazione più elevati nelle aree ad alto traffico, gli Mno stanno rinnovando il loro interesse nella densificazione della rete per aumentare la capacità. Un’altra motivazione è migliorare la QoE interna, che può essere limitata dalle sfide di propagazione delle onde radio a banda media.

La densificazione della rete utilizzando piccole celle nelle reti pubbliche continua a essere guidata dall’aumento del traffico da parte degli utenti della banda larga mobile 5G, nonché dal desiderio degli operatori di differenziare le proprie offerte di banda larga mobile migliorando la QoE. Anche la domanda di banda larga mobile B2B e di servizi di emergenza è stata sempre più importante per la crescita della rete pubblica a piccole cellule.

Il ruolo delle reti aziendali

Le reti aziendali rappresentano oltre i due terzi delle implementazioni di piccole celle. Le reti private rappresentano un’opportunità significativa per i venditori di piccole celle; Si prevede che la spesa totale della rete aumenterà a un Cagr del 48% tra il 2022 e il 2028. Con l’aumento dell’adozione delle reti 5G autonome (SA) tra il 2025 e il 2028, gli operatori potrebbero anche offrire servizi di rete ibridi pubblico-privati utilizzando implementazioni di piccole celle.

Open Ran e host neurali per ottimizzare l’implementazione

Adottando Open Ran o sfruttando le implementazioni di host neutrali, gli operatori possono ottimizzare l’analisi economica e strategica che giustifica l’implementazione delle small cells. Tuttavia, i due concetti sono ancora più efficaci se combinati. La Ran aperta può massimizzare la flessibilità nelle implementazioni di host neutrali, consentendo una maggiore interoperabilità tra le reti attive di diversi operatori tenant (che possono essere fornite da diversi fornitori) e l’infrastruttura host neutrale. Pertanto, perseguendo e supportando attivamente la Open Ran abilitata o addirittura completamente implementata da host neutrali, gli operatori potrebbero massimizzare il business case per un’ulteriore copertura di piccole celle.

Articoli correlati

Articolo 1 di 5