5G, mappatura in capo a Infratel per gara fondi Pnrr. Le risorse alle aree bianchissime - CorCom

BANDA ULTRALARGA MOBILE

5G, mappatura in capo a Infratel per gara fondi Pnrr. Le risorse alle aree bianchissime

Le telco titolari di licenze hanno già obblighi di copertura per la quasi totalità del territorio nazionale, ma restano fuori zone orograficamente complesse e periferiche. Il Governo punta a chiudere i gap per portare le nuove reti al 100% della popolazione. Il bando non prima del 2022

26 Mag 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

Non solo banda ultralarga fissa nelle aree grigie. A Infratel sarà assegnata anche la mappatura dello stato di avanzamento delle reti 5G. E’ quanto emerge dal documento approvato dal comitato interministeriale per la Transizione digitale (scarica qui il testo).

. L’obiettivo è avere chiara la roadmap per mettere a punto il bando di gara relativo all’impiego dei fondi pubblici previsti dal Pnrr nella porzione dedicata alle nuove reti a banda ultralarga e quindi anche per quelle 5G.

Gli operatori di Tlc titolari di licenze 5G – quelle della gara lacrime e sangue per le frequenze – hanno già obblighi di copertura pressocché per portare il segnale di nuova generazione su tutto il territorio nazionale, ad eccezione di pochi punti percentuali che fanno riferimento ad aree impervie e periferiche – in particolare quelle montane – a popolazione quasi zero e dove installare le reti risulta economicamente svantaggioso considerato lo scarso ritorno di investimento.

Ed è proprio per evitare che una parte della popolazione, seppur minimale, resti esclusa dalla nuova connettività – sempre più determinante anche e soprattutto per lo sviluppo economico dei territori – che si lavora ad una gara ad hoc, in parallelo con quella per le aree grigie i cui lavori per la nuova mappatura sono già stati avviati da Infratel ed è fissata al 15 giugno la deadline in capo alle telco per la presentazione dei propri piani di infrastrutturazione (sia quelli al 30 aprile 2021, sia quelli previsti per i prossimi cinque anni).

Riguardo alle tempistiche esecutive la partita slitterà però al 2022: per le aree grigie il bando è atteso per la fine di quest’anno e inizio del prossimo. E sul fronte 5G al momento non è chiara la roadmap. Il comitato interministeriale per la Transizione digitale si è riunito ieri per la prima volta: all’ordine del giorno proprio l’inizio dei lavori per il “pacchetto” ultrabroadband da 6,7 miliardi previsto dal Pnrr.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5g
B
banda larga aree grigie
B
banda ultralarga

Articolo 1 di 2