NETWORK BUSINESS

Banda ultralarga, 68 nuovi cavi sottomarini operativi entro il 2027



Indirizzo copiato

Analysys Mason mappa lo stato di avanzamento dei progetti. Corrono gli hyperscaler, già coinvolti nel 24% di tutte le rotte pianificate o in fase di attivazione. Fra il 2020 e il 2023 l’Europa leader per quantità di iniziative, al secondo posto l’Asia-Pacifico

Pubblicato il 22 mag 2024



Screenshot 2024-05-22 alle 10.59.32

È probabile che le cifre relative al lancio di cavi sottomarini continueranno a crescere nei prossimi anni. A febbraio 2024, ci sono 47 cavi sottomarini in fase di installazione e altri 21 sono previsti per il lancio nei prossimi 3 anni. Gli hyperscaler intanto continueranno a essere un fattore chiave per i nuovi lanci: il loro coinvolgimento riguarda il 24% di tutti i progetti pianificati o in fase di implementazione.

Lo rivela la prima edizione del Submarine Cable Tracker di Analysys Mason, che rivela che nel 2023 sono stati introdotti 10 nuovi cavi sottomarini, stabilendo collegamenti tra un totale di 21 nazioni in 7 regioni.

Dal 2010, il numero complessivo di cavi sottomarini ha registrato una crescita significativa, con un’accelerazione nell’implementazione a partire dal 2020. Tra il 2010 e il 2023, l’Europa occidentale ha visto l’entrata in funzione di più nuovi cavi sottomarini rispetto a qualsiasi altra regione; durante quel periodo, ne sono stati introdotti ben 77 nell’Europa occidentale. L’Asia-Pacifico emergente si è piazzata seconda con l’aggiunta di 71 cavi, seguita dall’Asia-Pacifico sviluppata con 68. Inoltre, sono stati lanciati anche 45 nuovi cavi in Nord America, 44 nel Medio Oriente e Nord Africa, 30 nell’Africa sub-sahariana, 28 in America Latina e infine, ma non meno importante, ne sono stati aggiunti altri sette nell’Europa centrale e orientale.

Un aumento costante dal 2010

Il Submarine Cable Tracker di Analysys Mason fornisce un dettaglio degli investimenti nei cavi sottomarini dal periodo compreso tra il 2010 e febbraio del 2024. Include dati su un totale di ben 129 cavi operativi, oltre a informazioni su altri cinquanta in fase di installazione e ventidue pianificati a livello globale. L’introduzione dei cavi sottomarini ha visto un incremento dal 2020, a causa dell’aumento del traffico dati, degli investimenti negli hyperscaler e delle esigenze di resilienza. Il numero totale di lanci di cavi sottomarini è aumentato costantemente dal 2010.

Le cifre dei lanci si sono intensificate dal 2020, con un totale di 51 nuovi cavi entrati in servizio dal 2020 in poi – oltre il 25% di tutti i cavi lanciati dal 2010. Il 45% di tutti i lanci di cavi sottomarini tra il 2020 e il 2023 si collegheranno all’Europa occidentale, con il numero di cavi operativi nella regione che passerà da 30 a 53. Anche i dati sui lanci nell’Asia-Pacifico sviluppata sono aumentati rapidamente, da 21 nel 2020 a 33 nel 2023, mentre quelli nell’Asia-Pacifico emergente Il Pacifico è aumentato da 26 a 38.

Gli hyperscaler fra le ragioni alla base dell’aumento dei lanci

L’aumento del numero di lanci è dovuto a diverse ragioni. La crescita del volume del traffico dati a livello mondiale ha spinto ad investire nei cavi sottomarini. Gli investitori stanno inoltre prendendo di mira le regioni sottoservite per fornire capacità a paesi con poca o nessuna connettività internazionale precedente e in alcuni casi per dare loro accesso a nuovi mercati nazionali. Gli investitori stanno inoltre aggiungendo percorsi di cavi per consentire la resilienza attraverso la ridondanza nel caso in cui i cavi vengano danneggiati o distrutti. Anche l’ingresso degli hyperscaler nel mercato dei cavi sottomarini sta determinando questo aumento.

Hyperscaler come Amazon, Google, Meta e Microsoft hanno generato un’enorme quantità di traffico Internet negli ultimi anni e si stanno muovendo per assumere un maggiore controllo sulla fornitura dei loro servizi investendo in cavi sottomarini. Analysys Mason prevede che almeno 40 cavi sottomarini operativi saranno di proprietà o in parte posseduti da hyperscaler entro la fine del 2026.

I maggiori progetti degli ultimi due anni

I cavi sottomarini più lunghi lanciati negli ultimi 2 anni sono:

Croce del Sud Avanti

Cavo è stato lanciato nel 2022. Si estende per 15.840 km tra Australia, Nuova Zelanda, Fiji e Stati Uniti e ha una capacità totale di 72 Tbit/s su 4 coppie di fibre. Il cavo è di proprietà del consorzio Southern Cross Cables, che comprende Singtel, Spark, Telstra e Verizon, ed è costato 350 milioni di dollari. Il cavo completerà l’attuale rete via cavo Southern Cross.

Equiano

Il cavo Equiano di Google è stato lanciato nel 2023. Il cavo è lungo circa 15.000 km e collega il Portogallo al Sud Africa. Ha una capacità totale di 144 Tbit/s su 12 coppie di fibre ed è stato costruito da Alcatel Submarine Networks (ASN). Il cavo incorpora la commutazione ottica a livello di coppia di fibre e la tecnologia Sdm (Spacial Division Multiplexing) per una maggiore capacità.

Rete via cavo leggera del Pacifico (Plcn)

Il Plcn è stato lanciato nel 2022 ed è di proprietà di Google, Meta e Pacific Light Data Communication (Pldc). Il cavo si estende per 12.800 km tra Hong Kong, le Filippine, Taiwan e gli Stati Uniti. TE SubCom ha fornito l’attrezzatura ottica. Il cavo offre una capacità totale di 120 Tbit/s su 6 coppie di fibre.

Asia-Pacifico al centro della crescita

L’Asia-Pacifico sviluppato ed emergente sono le regioni con il maggior numero di cavi pianificati/in fase di implementazione. Ciò è guidato dai governi nazionali e dagli enti regionali (come l’Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (Asean)) nel perseguimento dello sviluppo economico e sociale digitale. Le politiche digitali guidate dai governi nazionali guideranno anche i futuri lanci via cavo in Medio Oriente e Nord Africa. Sono previsti o in fase di installazione 17 cavi per collegare la regione con l’Asia-Pacifico, l’Africa sub-sahariana e l’Europa occidentale sviluppate ed emergenti.

I maggiori cavi al lancio nel 2024

I cavi più grandi il cui lancio è previsto nel 2024 sono i seguenti:

2Africa

Si prevede che questo sarà il cavo sottomarino più lungo del mondo, con una lunghezza di circa 45.000 km tra 33 paesi emergenti dell’Asia-Pacifico, del Medio Oriente e del Nord Africa, dell’Africa sub-sahariana e dell’Europa occidentale. Avrà una capacità totale di 180 Tbit/s su 16 coppie di fibre. Il cavo è di proprietà di Meta, China Mobile, Bayobab, Orange, center3 (stc Group), Telecom Egypt, Vodafone e Wiocc, con Asn come appaltatore principale.

Bifrost

Si tratta di un sistema di cavi aperto il cui lancio è previsto nel 2024. Si estenderà per oltre 15.000 km e collegherà Stati Uniti, Singapore, Guam, Indonesia, Messico e Filippine. Il cavo è di proprietà di Meta, PT Telin e Keppel T&T con Asn come appaltatore principale. La quota di Keppel del costo del cavo ammonta a ben 467 milioni di dollari.

Echo

Il cavo Echo è di proprietà di Google e Meta e il suo lancio è previsto per il 2024. Il cavo collegherà Stati Uniti, Singapore, Guam, Indonesia e Palau e il suo tronco principale si estenderà per 16.026 km. Avrà una capacità totale di 144 Tbit/s e presenterà 14 coppie di fibre nel suo tronco principale.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4