Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Calcagno: “Tim e Open Fiber non buttino via i soldi. La chiave è il coinvestimento”

L’Ad di Fastweb accende i riflettori sul “modello” Flash Fiber: “La competizione si fa sui servizi non sulle reti”. E sullo scorporo: “Siamo neutrali a patto che si garantisca la competizione”. Il 5G alternativo alla fibra: “Si può subito usare dove non arriva il fisso”

12 Feb 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

Al posto di buttare via i soldi Tim e Oper Fiber ragionino in termini di coinvestimento”: Alberto Calcagno, numero uno di Fastweb in un’intervista al Corriere della Sera fa un’analisi sulle ipotesi in campo su cui si dibatte ormai da mesi e propone due soluzioni, una di breve e l’altra di lungo periodo.

“Se guardiano ai prossimi 18-24 mesi ci sarebbe un modo razionale per gestire la transizione”, dice Calcagno accendendo i riflettori sul “modello” Flash Fiber, ossia sulla newco che vede in campo Tim e Fastweb. “Si dividono le spese e poi ciascuno offre sulla propria rete quello che vuole. Cooperazione per la rete e competizione sui servizi”. Secondo Calcagno questa modalità di cooperazione consentirebbe un risparmio fino al 50% sui costi di scavo evitando di doppiare i cantieri.

Guardando al lungo periodo l’Ad di Fastweb pur sottolineando di non voler entrare nelle scelte altrui – “capisco che ci sono analisi legate agli sviluppi occupazionali e agli equilibri di sistema”, si dichiara “neutrale” relativamente all’ipotesi di scorporo della rete “purché la competizione venga preservata, è l’unica condizione”, ci tiene però a puntualizzare. “In questi anni vediamo che i clienti, famiglie e imprese vogliono connessioni, dati, servizi di data center. La fibra serve per dare una spinta alla crescita del paese ma vanno evitati sprechi”.

A tal proposito Calcagno individua nel 5G la chiave di volta: “Bisogna utilizzarlo in certe aree invece della fibra a casa, è un altro modo di realizzare infrastruttura a banda ultralarga in modo efficiente e rapido”. Il manager prende ad esempio il piano Verizon che negli Usa ha già inaugurato la rete a Los Angeles, Houston e Sacramento garantendo connessioni a 800 Mega e consentendo al contempo di “accelerare i tempi e ridurre i costi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2