Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L'INDISCREZIONE

Datagate: vertice top secret fra Obama e i big Ict

Il presidente Usa ha incontrato i top manager di At&T, Google, Apple e altri colossi informatici. Obiettivo: discutere dei programmi segreti della Nsa rivelati da Snowden

09 Ago 2013

L.M.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha incontrato i responsabili delle grandi aziende americane di telecomunicazioni e Information technology, fra cui Apple, Google e At&t, per discutere dei controversi programmi di sorveglianza elettronica.

Lo riporta il sito web di informazioni “Politico”, secondo il quale il meeting è avvenuto ieri alla Casa Bianca. Avrebbero partecipato anche Randall Stephenson, Ceo di At&T, una delle maggiori telco americane, Vint Cerf, massimo esperto di Rete e Chief Internet Evangelist di Google, insieme ad altri executive del mondo tech e rappresentanti di istituzioni impegnate per i diritti civili, come il Center for Democracy and Technology e Gigi Sohn, responsabile di Public Knowledge. Secondo la fonte di Politico, l’incontro sarebbe stato organizzato “in grande segretezza” e Obama vi avrebbe preso parte di persona. La Casa Bianca non ha commentato le indiscrezioni e ha negato qualsiasi dettaglio ulteriore e lo stesso avrebbero fatto le aziende invitate.

Tuttavia è emerso che l’oggetto della riunione, a cui hanno partecipato anche rappresentanti delle associazioni in difesa della privacy, sono stati i programmi segreti della National Security Agency resi noti dall’ex funzionario della Nsa, Edward Snowden.

La riunione, però, spiegano i commentatori, non sarebbe un caso isolato, ma un appuntamento previsto nell’ambito di un calendario più ampio di incontri che la Casa Bianca starebbe portando avanti per discutere la controversia relativa alla sorveglianza digitale e alla violazione della privacy rivelata dai documenti consegnati alla stampa da Snowden.