Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

NETWORKING

Ericsson “apre” agli asset di Nsn

Il Cfo dell’azienda svedese Jan Frykhammar non esclude acquisizioni di rami di business del competitor in crisi

27 Gen 2012

Paolo Anastasio

Jan Frykhammar, Cfo di Ericsson, ha dichiarato questa settimana che l’azienda svedese potrebbe considerare l’acquisizione di alcuni asset della rivale Nokia Siemens Networks, se fossero in vendita. Lo scrive Total Telecom. “Se Nsn mettesse in vendita i suoi asset e se ci fosse un procedimento ufficiale di vendita, penso che sarebbe nostra responsabilità dare un’occhiata, se ce le chiedessero”, ha detto il Cfo di Ericsson mercoledì scorso, a margine della presentazione della trimestrale.

“Se vediamo che un determinato asset può accrescere il valore della nostra società, potremmo pensare ad un’acquisizione”, ha aggiunto Frykhammar, portando ad esempio l’acquisizione conclusa a giugno scorso da 1,5 miliardi di dollari di Telcordia e la partecipazione al consorzio che ha rilevato il portafoglio di brevetti di Nortel con un investimento complessivo di 4,5 miliardi di dollari.

A novembre Nokia Siemens Netowrks ha annunciato un piano di razionalizzazione che prevede la focalizzazione sul business delle reti mobili e il taglio di 17mila dipendenti a livello globale. L’obiettivo di Nsn è tagliare di un miliardo di euro i costi annui. Finora, Nsn ha ceduto il business legato al WiMax e la divisione specializzata in broadband fisso.