LA VERTENZA

Ericsson, Turi (Fiom): “Mille posti di lavoro a rischio a Marcianise”

La segretaria nazionale dei metalmeccanici Cgil: “Confermate le voci della cessione a Jabil dello stabilimento campano. Chiederemo con forza al Governo di intervenire contro questo progetto”

26 Gen 2015

A.S.

“Da almeno un paio di mesi circolavano voci sull’intenzione da parte di Ericsson, che ha sempre negato tutto, di disfarsi dello stabilimento di Marcianise (Caserta) per cederlo alla Jabil, multinazionale americana nota per aver acquisito nel 2008 lo stabilimento della Nokia Siemens a Cassina de’ Pecchi, chiuso dopo soli tre anni. Oggi quelle voci sono, purtroppo, confermate”.

Lo afferma in una nota Roberta Turi, segretario nazionale della Fiom Cgil.

“Nel sito di Marcianise la Ericsson ha concentrato negli anni tutte le attività di produzione e distribuzione dei prodotti relativi alle reti ottiche a livello globale, occupando oggi circa 580 dipendenti diretti e altrettanti nell’indotto – afferma Turi – Circa 600 sono invece i lavoratori dipendenti di Jabil in quel territorio, provenienti dagli stabilimenti ex Marconi ed ex Nokia Siemens, oggi in cassa integrazione, anch’essi legati alle poche attività che svolgono per conto della Ericsson. A dicembre scorso, grazie alla straordinaria mobilitazione dei lavoratori della Jabil, sono stati scongiurati 382 licenziamenti”.

Call4ideas CARDIF
Il Next Normal di Open-F@b?Call4Ideas. Proponi il tuo progetto innovativo!
Digital Transformation
Open Innovation

“Alla luce di questo scenario produttivo già compromesso, la cessione dello stabilimento rischia quindi di scatenare una ‘guerra tra poveri’ e di essere controproducente sia per i lavoratori della Ericsson che per quelli della Jabil – denuncia Roberta Turi – Tutto questo avviene in un territorio, la provincia di Caserta, in cui moltissime imprese industriali stanno smantellando le loro attività, nel quale il lavoro è un bene sempre più raro e la disoccupazione è a livelli record”.

“La Fiom dichiara fin d’ora la sua più netta contrarietà a quest’operazione che avviene nel momento in cui il Governo italiano, sicuramente informato delle intenzioni di Ericsson, ha varato il piano strategico sulla banda ultralarga, continuando a spiegare quali e quanti benefici questo porterà al paese, al pil e all’occupazione. Abbiamo avuto a che fare in passato con esternalizzazioni della Ericsson – conclude – finite quasi tutte con il licenziamento dei lavoratori coinvolti nelle cessioni. Riteniamo inaccettabile quanto si prepara ad accadere a Marcianise e siamo pronti a mobilitarci con i lavoratori per impedire lo smantellamento di uno degli ultimi stabilimenti manifatturieri di apparati di telecomunicazioni in Italia. Chiederemo con forza al Governo di intervenire, auspicandone una netta presa di posizione e una concreta iniziativa contro quanto sta preparando la Ericsson a Marcianise”.