Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Huawei dà il via all’era del 5G commerciale, pronte 10mila stazioni base

L’annuncio del chairman Ken Hu: “Siamo all’alba di una rivoluzione tecnologica”. E chiede ai governi di accelerare il processo di rilascio delle porzioni di spettro, mantenendo il costo inferiore a quello del 4G

21 Nov 2018

Huawei dà il via all’era del 5G commerciale e consegna oltre 10.000 stazioni base. L’annuncio è stato dato a Londra in occasione del 9° Global Mobile Broadband Forum dal titolo “5G Inspiring the Future”.

“Il 5G avvierà una rivoluzione tecnologica – ha affermato Ken Hu, Rotating Chairman di Huawei – Porterà nuova energia a tutto il settore Ict e innescherà cambiamenti radicali nel business, creando opportunità finora mai immaginate”.

Ken Hu ha inoltre incoraggiato i partner industriali a adottare una nuova mentalità nella creazione di nuovi dispositivi, nello sviluppo di applicazioni e nel realizzare nuove scoperte in grado di migliorare l’esperienza degli utenti. Secondo il manager, un tale approccio è cruciale per valorizzare pienamente il 5G. Con il supporto dell’Intelligenza Artificiale su rete e cloud, i dispositivi passeranno infatti da essere “plug and play” a diventare “plug and think”.

“Il 5G trasformerà la connettività in una piattaforma. Con il 5G, le connessioni a reti wireless miglioreranno ulteriormente, fornendo una connettività stabile, diffusa capillarmente e senza limiti per tutte le persone e gli oggetti – ha spiegato il manager – Attualmente, la maggior parte degli oggetti e dei dispositivi elettronici non sono connessi. Con il 5G, essere online e connessi diventerà l’impostazione di default per ogni oggetto e dispositivo”.

Grazie al 5G, il cloud metterà a disposizione un’enorme potenza di calcolo con velocità di trasferimento istantanea e una latenza sempre più vicina allo zero. “Ciò renderà l’’intelligence on demand’ disponibile per chiunque e ovunque. Cominceranno così ad emergere nuovi modelli di business come il Cloud X, dove i dispositivi sono potenziati da risorse inesauribili basate sul cloud”, ha puntualizzato.

“Il 5G è pronto sotto tutti i punti di vista – ha detto Hu – È pronto per l’uso, è conveniente e soprattutto la domanda è reale. Naturalmente ci sono ancora alcuni ostacoli alla distribuzione 5G”.

Ken Hu ha quindi affrontato il tema dell’allocazione dello spettro e la realizzazione dei siti. In particolare, gli operatori mobili non dispongono di sufficienti risorse di spettro. Per incrementarne l’implementazione, Hu si è augurato che i governi accelerino il processo di armonizzazione e rilascio delle porzioni di spettro 5G a banda larga, mantenendo un costo totale inferiore a quello del 4G. “Nel frattempo, oltre alla banda C, tutte le bande possono essere utilizzate per il 5G, comprese quelle da 2,3 GHz e 2,6 GHz”, ha detto.

“Per quanto riguarda i siti, la realizzazione delle reti è un’attività costosa – ha proseguito – Incoraggiamo i governi a rendere disponibili maggiori risorse pubbliche per agevolarne la realizzazione. Le infrastrutture di servizio condivise, come i tetti e i pali della luce, possono aiutare gli operatori a ridurre i costi e i tempi, e persino a costituire nuove fonti di entrate per i servizi pubblici. Riteniamo che il 5G fornirà un contributo importante e duraturo alla società: Huawei è impegnata assiduamente a rendere le reti 5G più solide, semplici, intelligenti e sicure”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5g
H
huawei

Articolo 1 di 5