Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

INNOVATION TRIP

Marco Patuano “stregato” dalle computational cameras

L’Ad di Telecom Italia impegnato in un “Innovation Trip” (“documentato” via Twitter) nella West Coast americana per una serie di incontri con le maggiori aziende hi-tech. Nella sede di Qualcomm, “conquistato” dai chip di nuova generazione che consentiranno l’ultra definizione su smartphone

19 Mar 2013

m.s.

“Scattano 16 foto simultaneamente e le ricompongono via software”: Marco Patuano, amministratore delegato di Telecom Italia è appena sbarcato a San Diego. In visita alla Qualcomm si è fatto conquistare dalle computational cameras, più simili a computer che scattano fotografie piuttosto che a macchine fotografiche superpotenti. L’ad di Telecom ne è rimasto colpito al punto da parlarne in uno dei tweet in cui ha iniziato a raccontare il suo “Innovation trip” nella West Coast americana dove è sbarcato l’altro ieri.

Un viaggio attraverso la California con partenza da San Diego dove nella sede di Qualcomm è entrato in contatto con i chip di nuova generazione che consentiranno “a breve l’ultra-definizione su smartphone”.

In un altro tweet, sempre da San Diego, Patuano osserva che “a misurare i next generation Cloud Services non sarà più la potenza di calcolo (monstre), ma anche i consumi. Less energy!”. Tema importante per una Telecom Italia che vuole giocare da protagonista nel mercato dei servizi cloud e dei megaserver.

Nel corso del suo viaggio americano Patuano visiterà anche le facilities di Cisco, Intel, Google, Apple, Amazon, Mit, Verizon. Appuntamenti ricchi di incontri con alleati (come Cisco, gran fornitore di Telecom Italia oltre che socio in Italtel), competitors come gli over the top (che la visita diventi magari un’occasione per mandarsi segnali di pace?), gestori di tlc come Verizon.

Cosa ci riserverà il viaggio di Patuano nei prossimi giorni? Forse lo sapremo da Twitter (per lo meno le cose che si possono dire in pubblico).

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link