Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LE RILEVAZIONI

Tariffe mobili a -20%. La nuova guerra dei prezzi scatenata da Iliad. Ma infiammata da ho. e Kena

In appena due mesi lo scenario italiano è completamente mutato. Il taglio delle tariffe fa il paio con l’aumento vertiginoso dei Giga messi a disposizione degli utenti, con un’impennata del 60%. Nei pacchetti crescono anche sms e minuti per le chiamate. I nuovi “virtuali” responsabili del new status quo. L’analisi di SosTariffe.it

31 Lug 2018

Mila Fiordalisi

Condirettore

Un vero e proprio crollo dei prezzi. In appena due mesi. Questo l’effetto provocato dal debutto in Italia del quarto operatore mobile Iliad, che peraltro nei giorni scorsi ha rilanciato sull’offerta a seguito del raggiungimento del primo milione di clienti. Ad analizzare il rinnovato scenario ci ha pensato SosTariffe.it secondo cui i prezzi delle offerte mobili dei principali operatori hanno subito una sforbiciata di oltre il 20%, in un mercato, quello italiano, i cui prezzi sono già fra i più bassi in assoluto.

Il taglio dei prezzi ha fatto inoltre il paio con un arricchimento dei pacchetti in particolare in termini di Giga inclusi. Secondo le rilevazioni di SosTariffe.it l’aumento è nell’ordine del 60%. In aumento anche la quantità di sms (+13,5%), laddove siano inclusi nei pacchetti, e di minuti di conversazione (+29,5%).

Riguardo al costo medio mensile dei pacchetti ricaricabili si è passati da 12,41 euro a 9,11 euro. I minuti inclusi, da 1.853 sono diventati 2.232. Gli sms offerti, a maggio 2018 erano 904, mentre ora sono saliti a 1190 al mese. I GB di internet sono aumentati del 58%, da una media di 12 a una di 19 al mese.

Secondo Sostariffe.it a provocare il drastico ridimensionamento delle offerte anche il debutto dei nuovi virtuali, in particolare Kena (Tim) e ho. (Vodafone). E stando alle rilevazioni la situazione si sarebbe complicata proprio a causa del proliferare degli operatori low cost. Ad analizzare solo il comparto Mvno la sfida all’ultima promozione ha comportato una riduzione delle tariffe dai 12,15 euro del 2017 a 10,96 euro in media di maggio 2018. E il costo mensile dei pacchetti è ulteriormente sceso nell’ultimo mese (-20,5%): da una media di 10,96 euro al mese di maggio agli attuali 8,71 euro. Ma la guerra all’ultimo cliente si combatte anche in questo caso soprattutto a colpi di Giga: da 9 al mese salgono a 14 (circa il 59,6% in più). Si promettono anche più minuti, che da una media di 1.363 diventano 1.765 (un aumento del 29,5%). Sempre più anche gli sms offerti, nonostante stiano via via perdendo la loro utilità con la progressiva diffusione delle app di messaggistica istantanea: in 60 giorni il numero medio incluso nei pacchetti è aumentato del 13,5% (da 784 in media di maggio ai 890 di luglio).

Per un’immediata comparazione delle offerte è disponibile un “comparatore” in real time sul sito di Sostariffe.it. E c’è da scommettere che la situazione subirà ulteriori “oscillazioni”, con effetti non da poco sui conti delle stesse telco, inclusa Iliad. L’azienda capitanata da Benedetto Levi ha raggiunto il target prefissato di 1 milione di utenti decisamente prima delle stime. Moody’s ha messo nero su bianco l’impatto sui conti di Wind Tre, Tim e Vodafone. Ma il quarto operatore non uscirà indenne dal ribasso delle tariffe.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5