Italia prima nell'indice Esi. Vincente il piano Industria 4.0

LA CLASSIFICA

Il nostro Paese ha registrato il maggior incremento nell'indice del sentimento economico nella zona euro. Il Mise: "Trainano gli investimenti in beni strumentali tecnologici"

di Mila Fiordalisi

L’Italia è il Paese che ha registrato il maggior incremento dell'indice Esi (indice del sentimento economico nella zona euro) con un +3,6 (contro l’1,7 della Francia, l’1,4 della Spagna e il -0,6 della Germania). È quanto si apprende dai dati diffusi oggi dalla Commissione europea, secondo cui l'aumento - che ha raggiunto il livello più alto in oltre 10 anni - è il frutto del miglioramento della fiducia nel settore dell'industria e dei servizi.

Il dato fa il paio con quelli diffusi sempre oggi dall’Istat che indicano un incremento del 2,7% del fatturato nei servizi nel nostro Paese  relativamente al secondo trimestre.

“L’analisi dei due indici – si legge in una nota a commento del ministero dello Sviluppo economico - mostra inoltre che buoni segnali vengono dai settori industriali ad alto contenuto tecnologico. In Italia, infatti, il fatturato del commercio in tecnologia e macchinari aumenta quasi il doppio dell’indice generale, con una crescita sostenuta del commercio all'ingrosso di macchinari, attrezzature e forniture (+4,7% nel 1° semestre rispetto allo stesso periodo del 2016) e di apparecchiature Ict ( + 4,1% rispetto al primo semestre 2016)”.

A trainare – evidenzia il Mise - sono essenzialmente gli investimenti in beni strumentali delle imprese che stanno utilizzando gli strumenti del Piano Industria 4.0 (in primo luogo iper e superammortamento). “Assieme ai dati sulla produzione industriale, quelli sulla crescita di fiducia in Italia e in Europa indicano come le aziende stiano sempre più investendo in tecnologia e innovazione”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 30 Agosto 2017

TAG: industria 40

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store