Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA CLASSIFICA

Italia prima nell’indice Esi. Vincente il piano Industria 4.0

Il nostro Paese ha registrato il maggior incremento nell’indice del sentimento economico nella zona euro. Il Mise: “Trainano gli investimenti in beni strumentali tecnologici”

30 Ago 2017

Mila Fiordalisi

L’Italia è il Paese che ha registrato il maggior incremento dell’indice Esi (indice del sentimento economico nella zona euro) con un +3,6 (contro l’1,7 della Francia, l’1,4 della Spagna e il -0,6 della Germania). È quanto si apprende dai dati diffusi oggi dalla Commissione europea, secondo cui l’aumento – che ha raggiunto il livello più alto in oltre 10 anni – è il frutto del miglioramento della fiducia nel settore dell’industria e dei servizi.

Il dato fa il paio con quelli diffusi sempre oggi dall’Istat che indicano un incremento del 2,7% del fatturato nei servizi nel nostro Paese relativamente al secondo trimestre.

“L’analisi dei due indici – si legge in una nota a commento del ministero dello Sviluppo economico – mostra inoltre che buoni segnali vengono dai settori industriali ad alto contenuto tecnologico. In Italia, infatti, il fatturato del commercio in tecnologia e macchinari aumenta quasi il doppio dell’indice generale, con una crescita sostenuta del commercio all’ingrosso di macchinari, attrezzature e forniture (+4,7% nel 1° semestre rispetto allo stesso periodo del 2016) e di apparecchiature Ict ( + 4,1% rispetto al primo semestre 2016)”.

A trainare – evidenzia il Mise – sono essenzialmente gli investimenti in beni strumentali delle imprese che stanno utilizzando gli strumenti del Piano Industria 4.0 (in primo luogo iper e superammortamento). “Assieme ai dati sulla produzione industriale, quelli sulla crescita di fiducia in Italia e in Europa indicano come le aziende stiano sempre più investendo in tecnologia e innovazione”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
industria 40