Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Privacy, price discrimination, and the seeds of capitalism’s destruction

Conferenza del professor Andrew Odlyzko, della school of mathematics della University of Minnesota. Appuntamento a Roma il 29 ottobre alle 15, presso la Sala del Cenacolo della Camera dei Deputati, in vicolo della Valdina 3A

16 Ott 2015

I trends tecnologici, gli incentivi economici e i precedenti storici, specialmente quelli associati alle ferrovie nel 19esimo secolo, suggeriscono che l’erosione della privacy diminuirà drasticamente gli incentivi che sono responsabili per la natura produttiva e la dinamica del capitalismo moderno. Alcuni recenti tendenze, come la crescita delle diseguaglianze, il rallentare della crescita e della capacità di innovare, possono già riflettere questi sviluppi. E’ questyo il tema su cui sarà incentrata la conferenza del professor Andrew Odlyzko, della school of mathematics della University of Minnesota, in programma il 29 ottobre alle 15 presso la sala del Cenacolo della Camera dei Deputati, con ingresso da vicolo della Valdina 3A.

A organizzare l’appuntamento è l’intergruppo parlamentare per l’innovazione tecnologica. Il saluto iniziale sarà sirevato ad Antonello Giacomelli, sottosegretario alle Comunicazioni. Dopo la conferenza del professor Odlyzko è in programma una tavola rotonda moderata da Francesco Sacco, esperto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a cui è prevista la partecipazione di Giovanni Pitruzzella, presidente dell’autorità garante della Concorrenza e del Mercato, Antonio Nicita, commissario dell’autorità per la garanzia nelle Comunicazioni, Massimo Mucchetti, presidente della commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato della Repubblica, e Roberto Lattanzi, dirigente del servizio studi e documentazione del Garante per la protezione dei dati personali.

Articolo 1 di 5