Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

The promise of the Eu

Il confronto tra i servizi pubblici radio-tv europei sarà al centro del “The Promise of the Eu” organizzato dal Consiglio dell’Unione Europea il 12 e 13 settembre a Roma al Museo Maxxi

09 Set 2014

I servizi pubblici radio-tv europei saranno messi a confronto al convegno “The Promise of the Eu” organizzato in occasione del semestre di presidenza italiana dal Consiglio dell’Unione Europea il 12 e 13 settembre a Roma al Museo Maxxi. In particolare si parlerà del ruolo strategico rappresentato dai public service media e dell’importanza dell’integrazione culturale europea. Collaborano il ministero dello Sviluppo economico, la Rai, lo European Broadcasting Union (Ebu), la Fondazione Maxxi e il Formez.

The Promise of the Eu” sarà aperto venerdì 12 settembre alle ore 14.30 da Sandro Gozi, sottosegretario agli Affari Europei, dopo il saluto di Giovanna Melandri, presidente della Fondazione Maxxi.

Verrà quindi presentata la nuova indagine di Eurobarometro sul significato dell’adesione all’Ue e sulle aspettative per il futuro dei cittadini europei. I risultati dell’indagine saranno al centro di sei workshop tematici a cui sono stati invitati esperti, studiosi e dirigenti dei servizi pubblici radio-tv di tutta Europa sul rapporto tra i public service media e i cittadini nell’era della convergenza digitale.

‘The Promise of the EU’ proseguirà sabato 13 settembre con gli interventi, dalle ore 9, di Antonello Giacomelli, sottosegretario alle Comunicazioni, Gregory Paulger, direttore generale della Comunicazione della Commissione Ue, Anna Maria Tarantola, Presidente della Rai, Jean-Paul Philippot, Presidente di Ebu, e Silvia Costa, presidente della Commissione Cultura e Educazione del Parlamento europeo.

Articolo 1 di 4